domenica 7 maggio 2017

Gli scienziati confermano che la mente non è limitata al tuo corpo e al tuo cervello

Abbiamo accuratamente descritto come i processi di auto-organizzazione del campo unificato creino il fenomeno della mente, conferme arrivano anche da un team di scienziati, che studia accuratamente che cosa sia il fenomeno auto-organizzante chiamato mente.

Estratto:

Senza dubbio, il cervello svolge un ruolo incredibilmente importante.Ma la nostra mente non può essere limitata a ciò che è all'interno del nostro cranio, o addirittura il nostro corpo, secondo una definizione presentata innanzitutto da Dan Siegel, professore di psichiatria presso la Scuola di Medicina UCLA e l'autore di un libro pubblicato di recente,Mind: A Journey Al cuore dell'essere umano .
Per la prima volta, ha scelto la definizione più di due decenni fa, in una riunione di 40 scienziati tra le discipline, tra cui neuroscienziati, fisici, sociologi e antropologi. L'obiettivo era quello di giungere ad una comprensione della mente che avrebbe appello a un terreno comune e soddisfare coloro che lottano con la questione in questi campi.
Dopo una lunga discussione, hanno deciso che una componente chiave della mente è: "l'emergente processo di auto-organizzazione, sia incarnato che relazionale, che regola l'energia e il flusso di informazioni all'interno di noi e tra di noi". Non è sorprendente. Ma è interessante e con implicazioni significative.
L'elemento più immediatamente sconvolgente di questa definizione è che la nostra mente si estende oltre i nostri sé fisici. In altre parole, la nostra mente non è semplicemente la nostra percezione delle esperienze, ma quelle esperienze stesse. Siegel sostiene che è impossibile distruggere completamente la nostra visione soggettiva del mondo dalle nostre interazioni.