sabato 29 aprile 2017

I microtubuli e la non località della mente

I microtubuli rappresentano la via ad un modello nuovo di come il cervello interagisce con la mente e i fenomeni di coscienza. I microtubuli hanno proprietà notevoli, come modi vibrazionali coerenti e risonanza quantistica, conduzione elettrica, potenziale computazione quantistica, luminescenza e potenziale biolasing. Inoltre occupano un ruolo centrale nella morfologia cellulare, nella locomozione, mitosi, comunicazione e nel trasporto intracellulare. Ora un team di ricercatori del New Jersey Institute of Technology e della Yeshiva University, ha proposto che i microtubuli possano conservare energia in superficie sotto forma di fononi topologici, in modo simile agli isolanti topologici, dove troviamo stati topologici in stato di entanglement a breve distanza, fenomeno osservato in alcune classi di superconduttori. La correlazione ER=EPR ci può far capire come i microtubuli comunicano con il campo fonte in un continuo scambio informativo. Il fenomeno del tunnel consente non solo di registrare informazioni come pacchetto alla misura di Planck, ma di garantire una scrittura dello spazio/tempo che fa da base evolutiva per le persone. Il fenomeno della non località viene spiegato facilmente, la mente così diventa un effetto quantico/gravitazionale che ottiene informazioni e dettagli. Immaginate una serie di lavandini in serie a cascata tutti collegati dentro i quali fate passare un flusso d'acqua. L'acqua acquisirà informazioni a seconda del lavandino in cui passa e diverrà sempre più ricca. Ogni struttura fisica è quindi una rappresentazione di una mente collettiva estesa. Ciò che differenzia il cervello è la sua strutturazione privilegiata, scelta in base al feedback informativo ottenuto dall'attraversamento del flusso (pensiero). In questo modo l'importanza di ogni singolo pensiero è funzione della reazione che lo accompagna, inteso come identificazione, riferimento e proiezione. Questa scoperta ci pone all'avanguardia per la comprensione di diversi disturbi mentali e non solo.  

Viaggio nel tempo matematicamente possibile e non solo....



Un nuovo modello scientifico sviluppato recentemente mostra come il viaggio nel tempo sia possibile.
Utilizzavano la teoria della relatività generale di Einstein come un trampolino di lancio per il loro dispositivo ipotetico, che essi chiamano un dominio retrogrado acausale transversale nello spazio-tempo (TARDIS).
Prima che Einstein teorizzasse che il tempo sia relativo e flessibile, l'umanità aveva già immaginato la possibilità di viaggiare in tempo . Infatti, la fantascienza è piena di viaggiatori di tempo.
"La gente pensa al viaggio del tempo come qualcosa di fiction. E teniamo a pensare che non sia possibile perché non lo facciamo ", ha dichiarato Ben Tippett, un fisico teorico e matematico dell'Università della Columbia Britannica, in un comunicato stampa UBC . "Ma, matematicamente, è possibile".
Essenzialmente, quello che Tippet e l' astrofisico di Maryland dell'università di David Tsang hanno sviluppato è una formula matematica che utilizza la teoria generale di relativismo di Einstein per dimostrare che il viaggio temporale è possibile, in teoria. Cioè, il tempo che accompagna una comprensione del concetto di "laico" come "muoversi" avanti e indietro nel tempo e nello spazio, come interpretato da un osservatore esterno ", secondo l'abstract della loro carta, pubblicata nella rivista Classical e Quantum Gravity .

Nella fisica più avanzata dove la proiezione olografica è un dominio dello spazio/tempo basta comprimere la luce ad un certa velocità e rotare l'ipercubo di compressione per trovarsi catapultati nel tempo/spazio ovvero la versione reciproca dello spazio/tempo dove muovendosi nello spazio ci si muove nel tempo. La rotazione diviene fondamentale per accelerare adeguatamente la luce.  La tecnologia naturale consente questi spostamenti molto semplicemente.
Ora vedremo i passi di un articolo intitolato “Dimensional Shifts” di Jerry W.Decker. Decker Direttore del sito KeelyNet, che in origine era un Bulletin Board Service (BBS) nei primi anni ’90 prima della popolarità di internet e lui è probabilmente uno degli esperti più famosi al mondo sull’anti-gravità e la free energy.
Ogni locazione spaziale (e TEMPORALE), non importa in quale dimensione risieda, possiede una coordinata specifica, indicata da una combinazione di frequenze che fanno da “firma” per quel punto. Sono frequenze incorporate, come bolle dentro bolle, perché sono tutte onde stazionarie prodotte da una coniugazione di fase a 180°.
Se una modulazione (di energia elettromagnetica che rappresenta) una “firma” specifica o coordinata (di un’area diversa di spazio e tempo) viene imposta (su questa forma energetica nel punto originale), allora si apre un portale verso quella (nuova) locazione. Intendo dire che si stabilisce una risonanza tra questi due punti, es. la locazione fisico-spaziale e l’immagine artificiale- e possono essere più di due.

Quando viene colpito un diapason, un diapason della stessa frequenza risuonerà col primo e rapidamente raggiungeranno un equilibrio energetico. Una volta raggiunto avviene un trasferimento di energia, quasi in senso olografico, con bloccano in fase i due diapason. Questo può avvenire tra qualsiasi spazi od oggetti risonanti.
Decker suggerisce chiaramente che nel nostro futuro il teletrasporto potrà divenire realtà, una volta compresi i principi di base. Per ora dobbiamo considerare l’evidenza che esiste e suggerisce che avvenga a volte sulla Terra per fenomeni naturali. Nell’articolo di Decker troviamo la descrizione di cosa potrebbe accadere ad una creatura vivente che passa in tale vortice. Forse questo è avvenuto molte volte sulla Terra nel passato e la creatura sfortunata finisce nella nostra realtà. Tali “viaggiatori del tempo” vengono chiamati “tulpoids” dal Ten.Col.Tom Bearden.
I vortici temporali che si generano in località conosciute della Terra sono il passaggio nella rete cosmica a forma di tunnel del campo unificato, è interessante notare come si può giungere alle stesse conclusioni usando teorie e basi scientifiche diverse.........

Regolando l’ampiezza della vibrazione tra i due corpi o spazi risonanti, si può stabilire un flusso d’energia in qualsiasi direzione fra loro. L’alta ampiezza fluisce sempre verso la bassa ampiezza nel tentativo naturale di cercare l’equilibrio, così creando un flusso tra i corpi o gli spazi.


Una volta stabilita la risonanza, credo che una massa possa essere catturata nel flusso e trasportata fisicamente tra i due spazi risonanti. Sono dell’opinione che queste testimonianze di “viaggio temporale” siano più vicine ad uno spostamento dimensionale dove multiple realtà esistono nello stesso punto (dello spazio), anche se leggermente fuori fase (realtà o dimensioni alternative).



lunedì 24 aprile 2017

Ciao ciao vecchie teorie.

Qualcuno sta iniziando a considerare diversi aspetti......

Goodbye Big Bang, ciao buco nero? Una nuova teoria della creazione dell'universo

Goodbye Big Bang, hello black hole? A new theory of the universe's creation

Approfondimenti...

La grande evoluzione informativa......


Il momento angolare è una quantità vettoriale che rende conto della rotazione dello spazio in un corpo massivo. Nella fisica che guarda agli atomi come rotazioni di un fluido comprimibile definito campo unificato, il momento angolare rappresenta la quantità di spazio curvato all'interno dell'atomo. Infatti  dall’effetto  Biefield-Brown si comprende come la carica negativa delle nuvole elettroniche non sono altro che il flusso di campo che rifluisce nel centro o nucleo. Questa rappresentazione, alla base del meccanismo del fotone, ci fa capire come l'’ammontare di energia luminosa nel nucleo atomico è funzione diretta di quanto campo vi si muove all’interno;  possiamo dunque misurare la quantità di campo che entra nel nucleo come una funzione del momento angolare. La geometria del campo gravitazionale è dunque funzione della velocità di rotazione di un sistema. Ogni sistema dunque è più forte gravitazionalmente a seconda della densità di campo che è in grado di contenere. Questa densità in pacchetti luminosi è una funzione della quantità informativa che un sistema è in grado di contenere. Applicando questo meccanismo al sistema solare sappiamo ad esempio che la relazione tra il Sole e pianeti mostra  l’emissione totale di energia del Sole in relazione diretta con la quantità di movimento di pianeti, lune, comete e altra materia circostante. Questo movimento rappresenta quanto un 'onda eterica destrosa e una sinistrosa, le forme principali di energia eterica, scorre all’interno di ogni singolo oggetto. Lo spostamento del Sole in un area a più alta densità porta dunque ad un naturale aumento di densità eterica contenuta in un oggetto, che equivale a dire un aumento della densità informativa e dell'evoluzione. Applicando l'equazione ER=EPR alla registrazione informativa, possiamo dedurre che il Sole è una guida d'onda per l'evoluzione locale del pianeta. I cicli solari sono dunque un meccanismo da rivalutare in funzione dell'evoluzione di ogni specie. La funzione di compressione informativa è la spinta alla ricerca che ogni filosofo ha sempre avuto, ma anche una funzione gravitazionale, quindi possiamo dedurre che l'aumento di densità corrisponda parimenti all'aumento della gravità spirituale........


sabato 22 aprile 2017

Tempesta geo in corso

Moderata tempesta geomagnetica in corso.

Indice K-Geomagnetico di 6
Soglia raggiunta: 2017 22 apr 0559 UTC
Periodo sinottico: 0300-0600 UTC
Avviso attivo: Sì
Scala NOAA: G2 - Moderata

Violata la causalità locale


Uno dei suoi attacchi più famosi e che resistette più a lungo dando per molto tempo filo da torcere ai fisici quantistici fu il cosiddetto esperimento mentale EPR, dai nomi di coloro che lo avevano proposto nel 1935: Einstein, Rosen e Podolsky.
Gli autori  dimostravano in pratica che se si accettano gli assunti della fisica quantistica veniva automaticamente violato il principio di causalità locale oppure era necessario affermare che la teoria quantistica era incompleta.

Naturalmente il gruppo di fisici mirava a dimostrare che la teoria quantistica era incompleta dal momento che il principio della causalità locale è uno dei principi fondamentali della fisica. Il principio di causalità locale afferma che eventi distanti nello spazio non possono comunicare e quindi influenzarsi istantaneamente, senza alcuna mediazione.
Ora per la prima volta, i fisici hanno dimostrato sperimentalmente la violazione della causalità bilocale.
I risultati mostrano che è possibile violare la causalità locale in un modo completamente nuovo e più generale, che potrebbe portare ad una potenziale nuova risorsa per le tecnologie quantistiche.
Per determinare se la causalità bilocale si usa i test di Bell.

Per affrontare questo problema, il nuovo documento considera un nuovo tipo di disuguaglianza di Bell che faccia conto del fatto che le due fonti di stati utilizzati nell'esperimento sono indipendenti, il cosiddetto assunto di bilocalità. Vietando questo nuovo tipo di disuguaglianza di Bell, i ricercatori hanno per la prima volta violato la causalità bilocale, indicando la presenza di correlazioni non bilocali che sono completamente diverse da altri tipi di correlazioni quantiche.

giovedì 20 aprile 2017

Scoperta forza che agisce sulle nanoparticelle nel vuoto......

Una scoperta su Physical Review Letters, evidenzia come particelle microscopiche sono spinte dalle fluttuazioni magnetiche nel vuoto.

Grazie alla comprensione della forza di Casimir è possibile iniziare a capire l'impatto sulle microparticelle. Una forza attraente fra due piastre è stata la base per le dimostrazioni dell'effetto Casimir. Recentemente è stato individuato l'effetto dinamico di Casimir, dove le piastre accuratamente avvicinate generano fotoni a microonde. Ora per la prima volta un team internazionale ha analiticamente mostrato gli effetti di una sfera rotante accanto a una superficie piatta. Nell'esperimento le nanoparticelle si muovono lentamente come se fossero in contatto con la superficie della piastra planare, ma in realtà non lo sono. La conferma di questo meccanismo consente anche di capire il modo in cui le particelle virtuali formino un continuum fluido nella materia. Queste particelle sono dovute alla fluttuazione del vuoto o del campo unificato. L'effetto Casimir è una delle principali conferma sul fatto che la materia sia costantemente composta da un fluido che scorre ricreandola, e quando ne togliamo o limitiamo la circolazione vediamo la materia modificarsi fino a sparire. Imparare ad ingegnerizzare tale caratteristica del vuoto potrebbe rivelarsi molto utile........

Evidenze di uno stato di coscienza elevato trovato in una recente ricerca dell'Università di Sussex




Una prova scientifica di uno stato di coscienza superiore è stata trovata dall''Università di Sussex.
La diversità del segnale magneto-encefalografico mostra chiaramente il cervello in uno stato di coscienza superiore quando sottoposto all'influenza di composti psicoattivi. Ma la differenza sostanziale indica che gli stati più alti non sono nel periodo soggetto ad anestesia bensì nel periodo di riposo sveglio. La ricerca è interessante nella modalità di come il cervello si sintonizza con gli stati più alti di coscienza.

Ipotizzare infatti che un aumento della complessità del segnale del campo elettromagnetico generato dal cervello consenti di incanalare uno stato mentale più espanso e complesso, potrebbe chiarire diverse funzionalità del cervello rispetto al meccanismo di coscienza.

mercoledì 19 aprile 2017

Per contatti

Chiunque voglia contattarmi per una richiesta particolare o per una consulenza, può farmi una richiesta su google+ o lasciando un messaggio sul blog. Per le altre persone che mi stanno contattando, al momento non sono previsti corsi, conferenze e seminari. Per chiedere delle informazioni specifiche procedere con l'iter su detto. Grazie, per la pazienza e l'attenzione.

lunedì 10 aprile 2017

Il grande contributo



Il processo di reiterazione che va dal grande al piccolo produce effetti tunnel multipli, lo scorrere del fluido nel suo ripiegamento crea in continuazione informazione. Questa informazione nell'attraversare un sistema ripiegato acquisisce dettaglio che poi distribuisce nella totalità. In questo modo ogni "parere" o interpretazione dell'universo viene registrata e contribuisce alla strutturazione dell'universo.  Così ogni persona è molto più importante di quanto creda, semplicemente cercando la sua soluzione interiore contribuisce ad alimentare il dominio del vuoto nel suo flusso costante. La capacità di prendere la propria responsabilità nel voto universale diventa così una prerogativa di fluidità interiore. Questo è molto più di niente, la perfezione del sistema è tale che ogni piccolo costituisce il grande. La rete di tunnel mette in risonanza immediatamente l'informazione che viene ridistribuita nella nuova configurazione, quindi ogni giorno puoi fare la differenza.....  

La grande unificazione arriva anche nella fisica mainstream

L'unificazione trattata nei miei libri consiste in un principio semplice, ma ho usato i campi di torsione per rendere i pezzi mancanti alle teorie più affermate. L'effetto multipli è quel principio secondo cui quando da una parte del mondo esce una novità, parallelamente la stessa appare da un'altra parte. Questo è possibile secondo un inconscio collettivo di condivisione, che fin ad ora non era accettato da molti scienziati. Ad oggi anche la scienza Mainstream sta facendo il passo verso l'unificazione con la stessa dinamica spiegata qui e nei libri,  accomunando con una nuova equazione la relatività e la meccanica quantistica. Questa equazione tra le altre cose è la base per dimostrare anche la mente collettiva grazie al principio di sovrapposizione della fisica quantistica........



domenica 9 aprile 2017

Anti-gravità

La fisica ha sempre cercato l'unificazione, ad oggi diverse soluzioni permettono di integrare la comprensione di come la gravità, la massa e la carica siano frutto di un solo meccanismo legato alle fluttuazioni dei domini del vuoto. Questo in linea di principio dovrebbe essere sufficiente per influenzare le strutture dello spazio-tempo e produrre una spinta antigravitaizonale.
La variazione di densità articolata dalla fluttuazione dei domini del vuoto produce una torsione dello spazio-tempo consentendo così il movimento d'onda chiamato energia. L'effetto è un gradiente di movimento simile allo scarico di una vasca da bagno. In questo senso un dispositivo in grado di cambiare le curve spazio-temporali dovrebbe automaticamente avere un controllo della gravità. Molti esperimenti anigravitaizonali si sono registrati in presenza, ad esempio, di una piramide la cui forma tetraedrica ne è un ottimo esempio di condensazione. Nel 2014 un laboratorio della NASA ha riferito misurazioni di spinta non convenzionale prodotta da un dispositivo che utilizza gli effetti delle microonde compresse in una struttura che faceva da guida d'onda. La forma d'onda usata è quella conica, e ha sbalordito non poco la scienza classica, tanto da essere chiamato il drivre impossibile.
In seguito il Northwestern Polytechnic Institute in Cina ha autonomamente confermato la produzione di spinta del dispositivo a microonde. Guido Fetta ha sviluppato un dispositivo chiamato Canne Drive usando le microonde in una camera scanalata. In entrambi i casi vi è la conferma implicita che la compressione di un'onda produce effetto antigravità, ma anche che i modelli che uniscono la gravità all'elettromagnetismo sono esatti. Nonostante tutto il rifiuto di buona parte della comunità scientifica è noto, molte leggi della fisica classica sono violate dal concetto stesso del dispositivo....
Infatti tale fenomeno non sarebbe possibile se non viene accettato che lo spazio abbia una struttura comprimibile in tunnel simili a vortici idealmente simili ad un buco nero.

Il dott. Hal Puthoff suggerisce che tutte le parti di un atomo hanno bisogno di spillare “energia del punto zero” per sostenere l’esistenza dell’atomo. E dal momento che tutti gli oggetti nel nostro Universo sono fatti di atomi e molecole, indipendentemente dalla loro dimensione, attirano in modo consistente energia eterica per sostenere la loro esistenza. Questo flusso continuo attinge ovviamente la sua forza dal punto zero o dominio del vuoto in un modello che è simile ad un tunnel energetico. In questo contesto la massa di un oggetto è in grado di variare a seconda di come circola l'etere o campo di punto zero al suo interno. In questo schema se si trova un modo per fa sì che l'oggetto sia continuamente sottoposto al rilascio della propria energia eterica, si dovrebbe ottenere un effetto anti-gravità.

Il dott. Bruce DePalma in un esperimento ha lanciato due palle da due catapulte affiancate con angolo uguale, facendo in modo che le due catapulte mettessero una quantità uguale di forza su ogni palla. L’unica differenza era che una palla avrebbe girato all’impressionante velocità di 27.000 RPM mentre l’altra non avrebbe girato affatto.
Sconfiggendo tutte le leggi fisiche conosciute, la palla rotante in realtà ha viaggiato più in alto, è caduta più veloce ed è andata più lontano della sua controparte non rotante.
Questo in accordo con quanto detto sopra ci consente di capire che la soluzione al bilanciamento che consente di produrre anti gravità è la rotazione. dunque per modificare la struttura dello spazio-tempo è necessario modificare la sua rotazione inerziale. Quindi modificando un campo elettromagnetico nella sua rotazione torsionale sferica si dovrebbe ottenere automaticamente il fenomeno della gravità che quando è opposto al flusso naturale crea un gradiente di anti-gravità.

Dalla considerazione dell'etere come superfluido in scorrimento ricaviamo notevoli ed interessanti modi di catturarne la forza tramite la congestione è la liberazione. Kozyrev ci ha dimostrato che muovendo semplicemente un oggetto esso varia di peso. Nell'esperimento  della palla rotante di De Palma si misura accuratamente una certa diminuzione dell'oggetto, che di solito gli scienziati trascurano.  In una sfera ferma, l'etere, tende ad a essere accumulato al centro, ma nel momento in cui si inizia a far ruotare la palla, l'etere viene costretto ad andare fuori proprio come avviene per l'acqua in una centrifuga.  Questo tipo di dinamica è la fonte delle cose perché ci fa capire che è la rotazione che genera l'energia misurata come irradiazione. Il Sole, la Terra, gli atomi, ecc. ruotano emettendo cosi la loro firma eterica. Il flusso che tende ad accumularsi al centro della Terra come etere superfluido è, per sua natura, una corrente che imbriglia sotto pressione i vortici meno densi, questa forza misurata come gravità avrà una spinta opposta dovuta alla rotazione. Così la massa data dall'inerzia di ciò che chiamiamo oggetto si opporrà ad essere spostato  ma sarà comunque costretto verso il basso dall'etere. Ora come può un oggetto opporsi a questa corrente?
Ci sono due possibilità o si inverte il senso di flusso comprimendolo in un'altra direzione, oppure si ottiene una rotazione ad un numero sufficientemente alto di giri al minuto in grado di far irradiare il flusso dall'oggetto. Irradiando l'etere al suo estero l'oggetto diminuirà d peso!

Negli esperimenti di Jon Parr viene dimostrato tramite la sperimentazione con le piramidi, che la rotazione è in grado di aumentare in maniera enorme la quantità di energia che una piramide assorbe ed irradia.  Per molti anni egli ha lavorato su vari progetti per far ruotare le piramidi, ed ha anche scoperto che poteva rinforzare i loro campi energetici ancor di più passandoli attraverso campi magnetici alternati mentre ruotavano. Questo gli ha permesso di raggiungere livelli molto superiori all’1-3% di schermatura per una piramide statica. Quando ha raggiunto questi livelli maggiori, ha anche notato che c’era una riduzione nel peso degli oggetti dentro la piramide; anche la gravità veniva schermata. Una delle scoperte più interessanti di Joe Parr viene dalle sue osservazioni su quale direzione avrebbero preso le piramidi una volta raggiunto lo sganciamento.  Parr ha scoperto che se la camera di rotazione della piramide era inondata di ioni negativi, essa avrebbe accelerato in direzione opposta alla Luna. Mentre se la camera era piena di ioni positivi, la piramide avrebbe accelerato verso la Luna. Le cariche possiamo considerarle anche come diverse rotazioni dell'etere, quindi se pensiamo al concetto di densità dello stesso, possiamo capire come  se carichiamo la piramide di energie negative questa si allineerà al flusso discendente dell'etere verso il centro, mentre se caricata positivamente irradierà verso l'esterno nel senso contrario alla gravità. Se pensiamo alla differenza di pressione eterica ed al giro di rotazione potremmo dire che l'energia di un dipolo magnetico nord è un energia che gira da destra verso sinistra, che poi tornerà al centro dal sud da sinistra verso destra. Le onde gravitazionali hanno lo stesso meccanismo, si intuisce quindi che l'antigravità è un energia altamente imbrigliabile e naturale di cui potersi servire.

martedì 4 aprile 2017

ER=EPR


Da quando la fisica quantistica e la relatività facevano a pugni ne è passato di tempo, a quei tempi mi dovetti divincolare dal concetto che le due teorie regalavano per abbracciare in toto i campi di torsione. Poco considerati nella fisica classica i campi di torsione offrono un quadro di soluzioni mancanti alle due discipline padrone della fisica. Ad oggi però un cambiamento si è sintonizzato con ciò che abbiamo cercato di  descrivere per diverso tempo, forse a causa dell'effetto multipli.
ER=EPR è la soluzione affascinante che cuce lo spazio tempo assieme e finalmente fa fare pace alla fisica quantistica e la relatività.
Juan Maldacena e Leonard Susskind finalmente hanno iniziato ad accompagnare la fisica mainstream verso la direzione giusta. Così l'apparente solidità dello spaizo-tempo ha integrato finalmente la dinamica di come la gravità combaci con la meccanica quantistica.
La strada che ha connesso i wormholes all'entanglement è un nastro Mobius ripiegato proprio come da anni è descritto nelle opere e in alcuni articoli di questo sito.
Poco importa se la questione risolverà le cervellotiche discussioni sul firewall, il seme è piantato e porterà un buon frutto.
Capire che il grande è fatto dai piccoli è una cosa, iniziare ad applicarlo un'altra. Fatto sta che questa soluzione già ha la forza di confermare i modelli sulla mente quantistica e la connessione olografica e molto altro ancora. E arrivato il giorno dunque dove i linguaggi si iniziano ad accorgere che dicono la stessa cosa, e che la rigidità non serve a nessuno............

domenica 2 aprile 2017

Brillamento solare

Un brillamento solare M4.4 è stato osservato intorno alla regione 2644 associato ad un espulsione di massa coronale, seguito dopo da
un brillamento M5.3 questa mattina alle 08:02.

Brillamento M4.4

Brillamento M5.3

Video

Video 2


sabato 1 aprile 2017

Tempesta geomagnetica

Tra il 27 e ieri abbiamo avuto una persistenza di tempeste geomagnetiche tra il g2 e il g1, un buco coronale fronte Terra dovrebbe far persistere le condizioni di tempesta anche nei prossimi giorni.

Video

giovedì 30 marzo 2017

Scoperto lampo di luce al momento del concepimento

Gli scienziati della Northwestern University hanno fatto una scoperta rivoluzionaria; al momento del concepimento, un lampo di luce è prodotta dallo zinco quando lo sperma incontra la superficie di un uovo.

Per la prima volta, i ricercatori della Northwestern University hanno dimostrato che quando uno spermatozoo umano  incontra un uovo, una scintilla di zinco brillante può essere visto, un lampo di luce che ha meravigliato la scienza ufficiale.

I ricercatori dicono che le dimensioni del lampo di luce fornisce informazioni preziose sullo stato di salute delle uova. Più brillante è il flash,  più vitale sarà l'uovo.

In verità per chi ha conoscenza dei principi elettrici connessi alla vita biologica, questo non dovrebbe sorprendere. Ciò che spinge un uovo a svasare e proprio il Dna a elica singola dello spermatozoo, il lampo di luce è la compressione chirale necessaria per iniziare la formazione biologica del corpo. Alcuni che sperimentano principi di kundalini sanno molto bene  come la corrente ad alto voltaggio può attraversare le cellule riempiendole di carica. La kundalini ai tempi d'oggi può essere misurata registrando una banda di emissione ultravioletta coerente emessa dalle cellule. Questa è ottenibile con una coerenza ghiandolare ed emotiva. Le funzioni del corpo hanno sempre la geometria necessaria per funzionare da guida d'onda, per cui non stupisce che la vita sia innescata da un pacchetto di luce....................

                 
                                                   fotogramma tramite il Telegraph

Il centro dello spin

La torsione è la base della creazione nell'universo.  Essa rimane in traccia anche senza che ci sia un oggetto fisico che precedentemente l'ha deformata.
La vibrazione d'onda che noi chiamiamo spin è una delle molteplici vibrazioni di campo in maniera torsiva. Dunque la mente che ottiene informazioni dalla sua stessa perturbazione ondulatoria in una trasformata di Fourier ha un punto di correlazione. Tale punto deve essere per forza il centro dello spin. Ora qual'è il punto che è in grado di correlare tutti gli spin o tutte le vibrazioni?  Il punto dev'essere per forza di cosa il silenzio. E' come lo scarico del lavandino, lì decorrerà tutta l'acqua. Ora immaginate una mente composta da campo fluido articolato dove può incontrarsi perfettamente in tutte le sue ramificazioni e perturbazioni? Nel silenzio, ecco perché per portare tutto al centro bisogna trovare il silenzio.
Gli spin convergono nel silenzio come le onde imparano ad accordarsi e non rimbalzare, ma se la perturbazione del campo è la stessa complessità che consente di ottenere dettaglio, densità ed informazioni il silenzio sarà l'unico modo per correlare correttamente tale ciclo informativo di spin. 

Come per un robot da cucina quando si frulla un liquido esso tenderà ad uscire dall'alto a causa della potenza centrifuga, così il campo ha una forza repulsiva dovuta alla rotazione. Questo fenomeno crea l'ondulazione. Centrare gli spin significa essere nell'asse interno del vortice e nel silenzio, nella totalità. Questo fenomeno è applicabile al principio che viene comunemente definito mente, dove ogni ciclo espansivo dovrà essere riportato al centro una volta persa la sua inerzia rotativa. 

sabato 25 marzo 2017

La mente va al di là del cervello

Articolo



Cercare la mente nel cervello è come cercare di trovare un presentatore aprendo un televisore. La mente è estesa, il cervello è in grado di sintonizzare aspetti lunghezze d'onda e particolari da correlare in fase all'interno del campo esteso, ad oggi c'è un incremento dei sintomi autoimmuni, sindrome da complesso psicologico e disturbi fisici legati alla mente, ma la mente non è limitata al cervello, infatti il sistema nervoso attinge in pari misura, anche se a diverse tonalità, le stringhe di campo di cui si compone la mente. E' tempo di cambiare approccio a mali e ai disturbi...........



Estratto:

L'elemento più immediatamente scioccante di questa definizione è che la nostra mente si estende oltre i nostri sé fisici. In altre parole, la nostra mente non è semplicemente la nostra percezione di esperienze, ma quelle esperienze stessi. Siegel sostiene che è impossibile districare completamente la nostra visione soggettiva del mondo dalle nostre interazioni.
“Mi sono reso conto se qualcuno mi ha chiesto di definire la linea di costa, ma ha insistito, è l'acqua o la sabbia, avrei dovuto dire che la riva è sia la sabbia e il mare”, dice Siegel. “Non si può limitare la nostra comprensione della costa di insistere che sia uno o l'altro. Ho iniziato a pensare, forse la mente è come il-alcune coste processo interiore e inter. vita mentale per un antropologo o il sociologo è profondamente sociale. I vostri pensieri, sentimenti, ricordi, attenzione, quello che si verificano in questo mondo soggettivo è parte della mente.”

venerdì 24 marzo 2017

Il grande osservatore




In un universo frattale di rotazione infinita ogni punto è un foro, ma di conseguenza ogni punto è un centro dove alla fine scorre l'informazione. L'osservazione dunque è la parte di quiete da dove viene osservato l'universo. Ma chi è che osserva l'universo? Ogni punto è un centro perché in un infinità di frattali ogni punto è un centro. Così ogni punto è l'universo che osserva. Nel cercare il codice di elaborazione neurale molti scienziati si sono scontrati con l'apparente difficoltà di elaborazione del sistema neurale: Alcuni credono che il continuo processo di informazione neurale sia fine  a se stesso, altri credono che ci sia un motivo molto più grande alla capacità di elaborazione informativa della mente. La fisica ondulatoria ci rende più semplice capire come il principio di frequenza che processa l'informazione sia molto più grande ed esteso di quello di un semplice codice binario o di una frequenza ad impulsi d'onda. La massa elettrica ondulatoria prodotta nell'universo ha una scala con al centro una singolarità necessaria per avere un punto di riferimento sulla rotazione. La rotazione è la base della creazione, teorici russi hanno associato direttamente l’energia dei campi torsionali con quella gravitazionale, arrivando così alla definizione del termine “energia gravispin”. In queste nuove teorie, la gravità e la rotazione [spin] sono accoppiate nella stessa basilare maniera in cui lo sono elettrostatica e magnetismo nel momento in cui insieme formano le onde elettromagnetiche. La rotazione consente dunque di creare lo spostamento informativo, la singolarità ne è dunque l'annullamento. Dunque in ogni punto frattale da cui vi è osservazione si trova la quiete. Dunque tu sei il centro che osserva la rotazione, sei la quiete che da riferimento o perno alla rotazione. Così ogni rotazione soggetta a centratura in una mente qualsiasi ha bisogno della quiete per essere consapevole dell'osservatore al centro, ogni onda prodotta dalla rotazione ha bisogno di rendersi coerente per accorciare verso la singolarità. Ogni foro dunque è l'uno indistinto alla finestra.......
Ecco perché viene insegnato da sempre a trovare la quiete all'interno.....
La ricerca della quiete agisce direttamente sulla coerenza è l'ordine ed influenza i telomeri.
Ed è proprio sui telomeri che agisce la meditazione: i ricercatori hanno ingaggiato un maestro spirituale e gli hanno chiesto di insegnare la pratica della meditazione ad alcuni volontari. Il protocollo prevedeva due sessioni di gruppo e sei ore di meditazione individuale al giorno, per tre mesi. Alla fine, coloro che avevano seguito le indicazioni del maestro, avevano un livello di telomerasi (l’enzima che ricostruisce i telomeri, quando questi si accorciano) del 30 per cento superiore a quello misurato in altri 30 volontari sani e simili per età, sesso e condizioni di salute, che non avevano fatto la meditazione.

Essendo la misurazione della telomerasi un indice certo e assai preciso, questo studio mostra come questa antica pratica orientale, rallenti di fatto il processo di invecchiamento e lo faccia agendo sul cervello, nel quale induce reazioni capaci di aiutare la gestione dello stress e capitalizzare le sensazioni di benessere. Tanto che alcuni ricercatori sostengono che la meditazione attivi una naturale tendenza del nostro organismo al rilassamento, insomma


Una conferma ulteriore arriva da uno studio realizzato in collaborazione dal “Massachusetts General Hospital” e dal centro di genomica del “Beth Israel Deaconess Medical Center”, che mostra come la meditazione modifichi l’attività di geni collegati con l’infiammazione, la morte cellulare e il controllo dei radicali liberi, responsabili di molti danni al DNA. E quindi, ancora una volta aiuti a rallentare l’invecchiamento, e a farlo con una rapidità insospettabile per una pratica così “soft”: due mesi di pratica bastano infatti a modificare circa 1.500 geni. Agire sull’attività della mente, altera quindi il modo in cui il nostro organismo attiva istruzioni genetiche fondamentali.

martedì 21 marzo 2017

Ricerca sui telomeri

Una ricerca sui telomeri chiarisce che è possibile ringiovanire e ripristinare la salute dalle malattie, siamo a buon punto per trovare delle cure alternative.........

sabato 18 marzo 2017

Il linguaggio di comunicazione del processo di consapevolezza.

Come abbiamo visto le scoperte inducono a capire che la consapevolezza, l'attenzione e il pensiero siano la quantificazione di un processo sequenziale che distribuisce le informazioni tra le densità di campo. Lo stesso processo dunque che avviene per i fenomeni macro nel campo universale. La consapevolezza è una porzione di un meccanismo universale unificato a diverse scale che connette tutte le vibrazioni tramite tunnel compressivi di campo. Così il vasto campo di informazione precipita e raccoglie informazioni da qualsiasi mente, in quanto in ogni mente è un punto d'incontro tra particolari oscillazioni di campo. Questo punto potremmo chiamarlo focus. Dal punto di vista di ogni focus c'è una differente sequenza di spin visibile. Infatti se prendiamo un oscillatore frattale in sezione aurea e lo facciamo ruotare, le onde phi che collassano al suo interno diventeranno a seconda del focus una geometria di linguaggio. Così le sequenze di spin sono le perturbazioni roteanti che costituiscono la matematica del linguaggio, proprio come noi usiamo simboli ed immagini per parlare. Tali sequenze sono il meccanismo di scambio informativo elettrico e costruttivo che la mente usa per fornire informazione al dominio del vuoto. La geometria richiede della perfetta coerenza d'onda per un canale pulito. Questo meccanismo è in grado di spiegare sia le oscillazioni quantiche presente nei microtubuli, sia la capacità del DNA di riorganizzarsi con il linguaggio appropriato come scoperto dai genetisti russi. Per chiunque voglia approfondire si raccomandano la lettura dei libri.....

venerdì 17 marzo 2017

La consapevolezza generata dall'effetto gravità, arrivano conferme.

La mente si comporta come un attrattore, nel processare informazioni usa una connessione frattale per il dettaglio informativo elaborato nel cervello. Il cervello dunque filtra informazioni a diverse densità informative, il sistema ripiegato infatti permette di dettagliare un'informazione in maniera infinita fino alle complessità più astruse. Tuttavia il regolatore di complessità non va inteso come capacità intellettiva, ma come una capacità ad alimentare il dominio del vuoto, centro dell'attrattore. L'informazione diventa il precursore primario per la resistenza elettrica e la capacità di fari attraversare senza sforza, che sono due parametri della coerenza del campo mentale.  Come sappiamo dall'analisi all'EEG il cervello oscilla attraverso diverse lunghezze d'onda, tali lunghezze d'onda possono essere correlate e portate in fase in maniera frattale. Ora una ricerca conferma che il cervello opera in una "dimensione" superiore alla quarta intesa come spazio-tempo, da qui si inizia a sostenere che la gravità quantistica possa essere uno dei principali fattori a generare la consapevolezza. Finalmente stiamo andando verso la giusta direzione. Nei lavori da noi presentati c'è il dettaglio di come questo processo generi l'attenzione, la consapevolezza e anche la beatitudine.







Approfondimenti

Elio superfluido come buchi neri




giovedì 16 marzo 2017

Congruenza tra modelli.

Un modello del tutto simile del complesso mentale in riferimento al campo unificato è stato esposto in maniera autonoma da altri fisici. Il coordinamento dei linguaggi risulta assai importante per capire l'originalità e le congruenze con alcuni temi esposti in Reiterazione infinita. Per chi vuole dare un occhiata :

Articolo

L'articolo forma la dinamica dell'esposizione sui concetti di informazione e geometria, le congruenze con il modello esposto nei libri e in questo sito è notevole pur percorrendo due vie apparentemente parallele, a questo punto come per le stelle e le proprietà chirali del campo è giunto il momento di fondere.....



lunedì 13 marzo 2017

Onde di torsione, onde pilota, onde di coscienza




In qualsiasi aggregato molecolare con polarizzazione di spin specificatamene organizzata si ha una forte componente di emissione di campi di torsione registrabili. Un magnete è un classico esempio di questo processo che dimostra come il comportamento fluido del campo sia in realtà la componente di un campo magnetico e di torsione. Nel momento in cui il campo fluido si riesce ad indirizzare in una direzione in maniera sempre più unificata e coerente si avranno polarità e campi molto forti. I sistemi naturali usano questa componente per l'evoluzione e la strutturazione geometrica. Ultimamente un team di scienziati ha scoperto la capacità di determinati cristalli di svilupparsi geometricamente nel tempo piuttosto che nello spazio.  L’Istituto di Ricerche Materiali di Kiev, in Ucraina, ha eseguito una serie di esperimenti dove un oggetto è stato esposto ad un campo torsionale creato  facendo ruotare materiali sia magnetici sia non-magnetici secondo velocità e schemi determinati. Essi hanno trovato che se la radiazione di torsione è sufficientemente forte, lo stato di spin degli atomi stessi può essere cambiato. Questi cambi possono essere eventualmente abbastanza sostanziali da alterare la struttura e l’apparenza di un materiale, come il colore del granito. L'Istituto di Ricerche Materiali ha anche determinato che persone con forti capacità psichiche sono capaci anche di creare identici cambiamenti nella polarizzazione di spin di varie sostanze semplicemente focalizzando la loro coscienza. Nessun’altra tecnologia può creare tali cambiamenti negli oggetti fisici. In pratica stiamo vedendo un campo di focalizzazione naturale. Questo ci consente di paragonare in maniera non peregrina le onde di torsione alla coscienza, all'attenzione e alla capacità di un sistema di polarizzare in fase il campo. Il vuoto supefluido o etere è essenzialmente l'unica cosa che esiste quindi la forma delle cose sono cristallizzazioni di questo fluido. Ora però scopriamo che con le dovute abilità nel concentrare le onde di tale flusso è possibile variare la struttura degli oggetti in maniera quasi irrealistica. Le onde di torsione sono un altro modo di chiamare le spirali phi di energia eterica, esse producono le onde stazionarie che noi chiamiamo cose, che la fisica sta valutando come fluttuazioni quantistiche. Tali onde sono al guida agli accadimenti quindi sono dei veri e propri binari per ciò che accade e si forma, come potremmo definire in modo diverso la coscienza?
La dimostrazione delle onde pilota sono solo la conferma di un processo già dettagliato ma che a seconda della corrente che lo spiega varia. Ora sarebbe opportuno insegnare la polarizzazione del campo elettrico personale, il che significa insegnare agli spin della vostra materia e del vostro campo debole ad andare d'accordo e concordare....

La capacità magnetica della vostra polarizzazione sarà quindi la capacità di scambio con il dominio del vuoto, e quindi al processo naturale per cui la dinamica è stata creata. Il semplice scorrere del pensiero dunque può essere riclassificato come un feedback informativo non oggettivo, la connessione quindi con il dominio del vuoto e le onde di torsione viene dettagliato dalla forma che assume uno spettro di campo polarizzato in fase. La geometria e la compressione che riuscite a dare all'informazione totale detterà al vostra densità e il vostro progresso spirituale.....

domenica 12 marzo 2017

Alla scoperta del fluido quantistico.........

Nuove conferme arrivano nel campo della fisica del campo fluido. Divertente vedere come grosse sorprese per la corrente fisica attualmente scoperte siano concetti ormai superati da anni e anni. A ognuno la sua strada, ora le onde pilota stanno per ripristinare una concezione più realistica.....


Per quasi un secolo, la "realtà" è stato un concetto oscuro. Le leggi della fisica quantistica sembrano suggerire che le particelle passano gran parte del loro tempo in uno stato spettrale, privo di proprietà anche di base, come una posizione definita e invece esistente ovunque e in nessun luogo in una sola volta. Solo quando una particella viene misurato lo fa improvvisamente si materializzano, che sembra prendere la sua posizione come se da un lancio di dadi.
Questa idea che la natura è intrinsecamente probabilistica - che le particelle non hanno proprietà duri, verosimiglianze solo, fino a quando non si osservano - è direttamente implicato dalle equazioni standard della meccanica quantistica. Ma ora una serie di esperimenti sorprendenti con fluidi ha fatto rivivere vecchio scetticismo circa quella visione del mondo. I risultati bizzarri stanno alimentando l'interesse in una versione quasi dimenticato della meccanica quantistica, uno che non ha mai dato l'idea di un'unica realtà, concreta.
Gli esperimenti comportano una goccia di olio che rimbalza lungo la superficie di un liquido. La goccia si riversa dolcemente il liquido con ogni rimbalzo. Allo stesso tempo, increspature rimbalzi ultimi influenzano il suo corso. l'interazione della gocciolina con le sue increspature, che formano ciò che è noto come un'onda pilota, induce a mostrare comportamenti precedentemente ritenuti peculiari particelle elementari - tra cui i comportamenti visti come la prova che queste particelle sono distribuite nello spazio come onde, senza alcuna posizione specifica , fino a quando non vengono misurati.
Le particelle su scala quantica sembrano fare le cose che gli oggetti a misura d'uomo non fanno. Possono tunnel attraverso le barriere, spontaneamente sorgere o distruggere, ed occupare i livelli di energia discreti. Questo nuovo organismo di ricerca rivela che goccioline di olio, quando guidato da onde pilota, mostrano anche queste caratteristiche quantistiche-like.
Per alcuni ricercatori, gli esperimenti suggeriscono che gli oggetti quantistici sono definite come goccioline, e che anche essi sono guidati da onde pilota - in questo caso, ondulazioni fluido come nello spazio e nel tempo. Questi argomenti hanno iniettato nuova vita in un deterministico (in contrapposizione a probabilistica) la teoria del mondo microscopico prima proposta, e respinto, alla nascita della meccanica quantistica.
"Si tratta di un sistema classico che presenta un comportamento che la gente pensasse in precedenza era esclusivo al regno dei quanti, e possiamo dire perché," ha dichiarato John Bush , un professore di matematica applicata presso il Massachusetts Institute of Technology, che ha guidato diverse recente rimbalzo-goccioline esperimenti . "Le cose più comprendiamo e in grado di fornire una logica fisica per, tanto più difficile sarà quello di difendere i 'meccanica quantistica è magia' prospettiva".

Una Goccia Quantum
Ora, finalmente, la teoria pilota-wave potrebbe trattarsi di un ritorno minore - almeno, tra dynamicists fluidi."Vorrei che le persone che stavano sviluppando la meccanica quantistica agli inizi del secolo scorso hanno avuto accesso a questi esperimenti", ha detto Milewski. "Perché allora tutta la storia della meccanica quantistica potrebbe essere diverso."
Gli esperimenti hanno iniziato una decina di anni fa, quando Yves Coudere colleghi presso l'Università Paris Diderot scoperto che vibrare un bagno di olio di silicone su e giù ad una particolare frequenza in grado di indurre una goccia per far rimbalzare lungo la superficie. Il percorso della gocciolina, hanno trovato, è stata guidata dai contorni inclinati della superficie del liquido generato dai propri rimbalzi della gocciolina - una interazione particella-onda reciproca analoga a de concetto di pilota-onda di Broglie.
In un esperimento innovativo , i ricercatori hanno utilizzato la configurazione di Parigi gocciolina di dimostrare l'interferenza singola e doppia fenditura. Essi hanno scoperto che quando una gocciolina rimbalza verso una coppia di aperture in una barriera damlike, passa attraverso una sola fessura o l'altro, mentre l'onda pilota attraversa entrambi. ripetute prove mostrano che i fronti d'onda si sovrappongono dell'onda pilota di guidare le goccioline a determinati luoghi e non in altre località, tra - una replica apparente del modello di interferenza nella esperimento della doppia fenditura quantistica che Feynman descritto come "impossibile ... per spiegare in ogni classica modo ". E proprio come misurare le traiettorie delle particelle sembra" collasso "loro realtà simultanee, disturbando l'onda pilota nell'esperimento rimbalzo-gocciolina distrugge la figura di interferenza.
Goccioline possono anche sembrare "tunnel" attraverso le barriere , orbitano una intorno all'altra in stabili "Stati vincolati ", e mostrano proprietà analoghe a rotazione quantistica e l'attrazione elettromagnetica. Quando confinato in aree circolari chiamati recinti, formano anelli concentrici analoghe alle onde stazionarie generate da elettroni in recinti quantistica. Hanno anche annichilano con le bolle del sottosuolo, con un effetto che ricorda la distruzione reciproca delle particelle di materia e antimateria.

In ciascuna prova, la goccia si snoda un percorso caotica che, nel tempo, si accumula la stessa distribuzione statistica nel sistema fluido come quello previsto di particelle su scala quantica. Ma piuttosto che derivanti da indeterminatezza o di una mancanza di realtà, questi effetti quantistici, come sono guidati, secondo i ricercatori, da "memoria percorso." Ogni rimbalzo della goccia lascia un segno a forma di increspature, e queste increspature caotico ma deterministicamente influenzare i futuri rimbalzi del droplet e portare a risultati statistici quantum-like. Il percorso più memoria un dato mostre fluide - che è, meno le sue increspature dissipano - il più nitido e più quantum-come le statistiche diventano. "Memoria genera il caos, che abbiamo bisogno di ottenere le probabilità di destra", ha spiegato Couder. "Vediamo memoria percorso chiaramente nel nostro sistema. Essa non significa necessariamente che esiste in oggetti quantistici, suggerisce solo sarebbe possibile ".
Le statistiche quantistici sono evidenti anche quando le goccioline sono sottoposti a forze esterne. In un recente test , Couder ei suoi colleghi posto un magnete al centro del loro bagno d'olio e osservato una gocciolina ferrofluido magnetica. Come un elettrone che occupa i livelli di energia fissa intorno ad un nucleo, la goccia che rimbalza adottato un insieme discreto di orbite stabili intorno al magnete, ciascuna caratterizzata da un livello di energia impostato e momento angolare. Il "quantizzazione" di queste proprietà in pacchetti discreti di solito è inteso come una caratteristica del regno quantico.
Se lo spazio e il tempo si comportano come un superfluido, o di un fluido che sperimenta alcuna dissipazione a tutti, allora la memoria percorso, concettualmente, potrebbe dar luogo alla strana fenomeno quantistico di entanglement - ". Azione spettrale a distanza" ciò che Einstein indicato come quando due particelle impigliarsi, una misura dello stato di uno colpisce immediatamente che dell'altro. L'intreccio vale anche se le due particelle sono anni luce di distanza.
In meccanica quantistica standard, l'effetto è razionalizzato il crollo istantaneo di un'onda di probabilità congiunta delle particelle. Ma nella versione pilota onda di eventi, una interazione tra due particelle in un universo superfluido li imposta sul percorsi che rimanere correlati sempre perché l'interazione influisce definitivamente i contorni del superfluido. "Mentre le particelle si muovono lungo, si sentono il campo d'onda generata dal loro in passato e tutte le altre particelle in passato", ha spiegato Bush. In altre parole, l'ubiquità dell'onda pilota "fornisce un meccanismo per la contabilità per queste correlazioni non locali". Eppure un test sperimentale di entanglement gocciolina rimane un obiettivo lontano.



giovedì 9 marzo 2017

Esperimenti non convenzionali




Con un mini-generatore di Tesla è un magnete toroidale è possibile gestire un campo magnetico e amplificarne uno di torsione. Dagli esperimenti condotti abbiamo potuto constatare che un campo capacitivo è in grado di aumentare la frequenza eterica di un campo biologico e allineare la produzione di biofotoni. Tuttavia se si sbaglia l'inclusività armonica del campo e la coerenza esso risulta aberrante, creando malattie e disturbi. In alcune circostanze abbiamo rilevato che un campo a seconda della sua lunghezza d'onda è in grado di alterare il complesso vitale di una cellula e causare uno stato di stress del tutto simile ad una malattia comune. Questo ci ha fatto capire che il precursore di alcune malattie fisiche è l'innesto del campo sottile sul corpo nei gangli che circondano il sistema nervoso. Un campo coerente ha una buona possibilità di di rendere l'ingresso eterico nel sistema biologico molto meno resistente, con meno attrito e più fluidità. Buoni risultati sono stati evidenziati nella possibile cura di cisti, sindrome dell'intestino irritabile, depressione, ansia e altri sintomi simili. Immergendo il corpo in un campo magnetico le cellule tendono a sintonizzarsi sulla lunghezza informativa. Questo dovrebbe essere un processo naturale non indotto elettromagneticamente. Infatti le armoniche della Terra sono più che sufficienti come guida d'onda per le cellule, tuttavia in certi ambienti sempre più saturi, l'energia vitale è sempre meno coerente, così le cellule sviluppano uno stato caotico simile ad una diminuzione della neghentropia naturale di un sistema biologico. Quindi di qualsiasi campo si sta parlando dev'essere dell'orine di grandezza di quello terrestre. Un mini generatore ovviamente produce un campo troppo forte per questo, per cui è importante prima smorzarlo con un campo variabile quindi usare un magnete toroidale per renderlo coerente, e attraverso una gabbia di Faraday regolarlo fino ad una costante elettrodebole. E' possibile settare il campo sulle frequenze ioniche degli elementi naturali ed fornire direttamente l'informazione alla cellula. La rotazione del magnete toroidale ci consente di accelerare e diminuire l'inviluppo del campo. A dati fatti comunque riteniamo che i sistemi naturali siano di gran lunga migliori, e che le apparecchiature più utili siano quelle fatte da materiali cristallini secondo una certa forma e geometria. Un buon dispositivo è composto da due geometrie una spirale, e un disegno tipo fiore della vita, lente planare o geometria dodecaedrica. Il disegno si stampa su un foglio di carta, quindi si incolla su un cartone da i due lati interponendo una croce di carta alluminio. Il consiglio è sempre quello di non esagerare e di andarci piano.........
Il consiglio per tutti quelli che chiedono è quello di usare le strutture armoniche naturali della Terra, quindi la natura vince sempre sulla macchina......

mercoledì 1 marzo 2017

L'importanza dei sistemi ripiegati : l'intestino

Il ripiegamento è una forma normale nel campo per ottenere dalla topologia un dettaglio informativo.
Immaginate il cervello e vedete una serie di ripiegamenti che consentono all'informazione di proiettarsi, articolarsi e organizzarsi. Dalle ricerche sul campo sappiamo che il cuore e il cervello producono due campi toroidali eccentrici connessi in fase quando amiamo. Questo ci dà la sicurezza che 80% del nostro pensare, reagire e rispondere sia dovuto all'inarcare del campo di uno di questi due sistemi, e che il feedback che danno allo stimolo elettrico sia la nostra matrice illusoria.


Il cervello riesce dunque a spacchettare un campo, e a dettagliarlo molto bene, il cuore fa lo stesso con le emozioni e via dicendo. Bene ora sappiamo che il restante 20% deve derivare da qualche sistema. La compressione del DNA è un fenomeno molto importante per il livello di densità di campo raggiunto dal sistema elettrico che molti chiamano anima, ma molti trascurano la componente ripiegata del corpo nel produrre la proiezione. Ad esempio cosa vi ricorda da vicino il cervello?
risposta facile l'intestino:

L'aspetto simile non è una caso, infatti l'intestino reagisce agli stimoli nervosi, come paura, rabbia, ansia e stress allo stesso modo che il suo collega superiore. Capire la psicologia dell'intestino non è roba da psicoterapeuti, molti storceranno il naso o si faranno una bella risata, eppure una buona fetta del vostro pensare è legata a come il campo viene compresso, smistato e bilanciato nell'intestino. Il sistema neurale dell'intestino è molto semplice rispetto al cervello, tuttavia la componente di campo ha un funzionamento per certi versi forse anche più importante. Se osservate un intestino in sezione vedrete questo:

Assomiglia ad un magnete toroidale. 
Come si collega al coefficiente di coscienza nei rispetti del complesso mentale legato ai microtubuli, la modalità di coerenza d'onda e tutto il resto?
Immaginate di avere un campo, esso deriva non solo dallo stato neurale dell'intestino, ma essendo attraversato da fluidi è soggetto alla dinamica dei campi legati alla coerenza dei fluidi. Infatti il cibo digerito viene compresso proprio come in un vortice, e da lì vengono estratti i preziosi nutrienti sottili di cui il corpo si agevola. Non è un caso che la materia solida venga espulsa dopo la compressione, perché ciò che serve è la componente sottile e chimica. ora immaginate che il vostro pensiero come per i campi di torsione sia soggetto ai movimenti torsivi del'acqua e dei cibi in genere. Pop ci ha lasciato in eredità la questione firma energetica luminosa o biofotoni lasciata dal cibo, ebbene non solo questo nel meccanismo elettrico debole entrano in gioco anche la modalità di compressione dei fluidi nel sistema intestinale. Immaginate una acqua strutturata a cui si è insegnato a torcere sia a destra che a sinistra, quando scorrerà nel vostro sistema interno non imparerà a ruotare e a seguire i campi perché è già stata preparata prima, ecco che il beneficio di bere queste acque per la guarigione diventa notevole. Infatti come sappiamo la coerenza è ciò che serve a qualsiasi fluido in scorrimento, così come al campo sottile. Le cure sull'urinoterapia stanno diventando più ampie, ebbene cosa rende l'urina così curativa se non il fatto che è passata tramite un sistema ripiegato? Trattate bene dunque il vostro intestino.............