domenica 19 novembre 2017

Vento solare in arrivo

I meteorologi del NOAA stimano una probabilità del 40% di attività geomagnetica polare il 20 e il 21 novembre quando ci si aspetta che un flusso di vento solare entri in contatto con il nostro pianeta.


venerdì 10 novembre 2017

GLI SCIENZIATI CREANO UN "WORMHOLE" MAGNETICO CHE COLLEGA DUE REGIONI DELLO SPAZIO


I Wormholes sono oggetti cosmologici affascinanti che possono collegare due regioni lontane dell'universo. A causa della loro natura intrigante, la costruzione di un wormhole in un laboratorio sembra un compito formidabile. Una proposta teorica di Greenleaf et al. ha presentato una strategia per costruire un wormhole per onde elettromagnetiche. Basato su metamateriali, potrebbe consentire la propagazione dell'onda elettromagnetica tra due punti nello spazio attraverso un tunnel invisibile. Tuttavia, una realizzazione attuale non è stato possibile finora. Qui costruiamo e dimostriamo sperimentalmente un wormhole magnetostatico. Utilizzando metamateriali magnetici e metasuperfici, il nostro wormhole trasferisce il campo magnetico da un punto nello spazio all'altro attraverso un percorso magneticamente non rilevabile. Sperimentalmente dimostriamo che il campo magnetico da una sorgente ad una estremità del wormhole appare all'altro lato come un campo magnetico isolato monopolare, creando l'illusione di un campo magnetico che propaga attraverso un tunnel al di fuori dello spazio 3D. Possono essere previste applicazioni pratiche dei risultati, incluse tecniche mediche basate sul magnetismo.

Studio completo

lunedì 6 novembre 2017

La mente tra invarianza di scala, coscienza, frattali e modelli del cervello.

Ottimo lavoro che introduce al concetto di invarianza di scala e di come il cervello si interfacci con la coscienza e la mente universale. Il modello si abbina in alcuni punti ottimamente al lavoro presentato in diverse teorie, ed è un'ottima integrazione al libro Reiterazione infinita.
Il meccanismo dell'illuminazione della kundalini e dell'energia punto zero possono essere idealemnte intuiti in questa figura estratta dal lavoro. 
Il recente studio esamina la prova della natura senza scala della coscienza in cui la geometria toroidale - come il noto doppio-torso - può modellare la coscienza a tutti i livelli frattali dell'universo e come si verifica nel cognitivo umano come spazio di lavoro olografico all'interno del cervello, un "orizzonte di eventi cerebrali".Gli autori della carta --- Dr. Meijer , professore emerito presso l'Università di Groningen; e il dottor Geesink , ricercatore senior dell'Università di Twente nei Paesi Bassi --- hanno svolto un lavoro di ricerca in biofisica che sta rispondendo ad alcune delle domande più difficili in ambito biologico e in altri campi principali. Da una meta-analisi di più di 500 pubblicazioni biomediche relative alla radiazione elettromagnetica (EM) e all'interazione con il sistema biologico, Geesink e Meijer hanno individuato un modello nuovo e specifico di frequenze coerenti EM che presentano bio-risonanze statisticamente significative. Con l'individuazione di specifici domini di frequenza EM che hanno effetti significativi all'interno del sistema inter- e intra-cellulare, i ricercatori sono stati in grado di correlare i propri dati con risonanze d'onda note di nucleotidi in soluzione acquosa, proteine ​​e enzimi, nonché suono-indotta vibrazioni evocate in bio-polimeri e membrane cellulari.
La ricerca descrive in dettaglio l'interazione della luce e del suono all'interno del sistema biologico --- come le onde fotoniche, foniche e solitiche sono strumentali e integrali nel mantenere e dirigere la coerenza e l'ordine del sistema inter- e intra-cellulare nello sviluppo e nell'informazione elaborazione. Le oscillazioni solitiche nelle grandi molecole biomolecolari possono determinare una coerenza quantistica, conosciuta come Condensazione di Fröhlich , che Meijer e Geesink hanno spiegato possono creare modelli quantistici geometrici che guidano le biomolecole e le cellule molto simili alla struttura delle onde pilota della meccanica bohmiana . Mostrando come il sistema vivente ei processi informativi sottostanti la coscienza della vita risiedono ad un livello molto più profondo e intrinseco dell'universo.

Non perdetevi dunque:

La coscienza nell'universo è un'invarianza di scala e richiede un orizzonte degli eventi nel cervello umano.


(fig. modificata da Stan Tenen, 2002 come mostrato in una presentazione PPT di Amoroso, sulla rotazione sferica Dirac).


Il  modello toroidale è un tentativo cosmologico per descrivere il rimbalzo dell'universo in un universo circolare. Questo approccio geometrico modella l'universo di informazioni a scale frattali. La traiettoria di superficie delle informazioni quantiche è mostrata in modelli grigi (vedi anche inserto a sinistra sopra), inclusa la loro elaborazione interattiva nel nucleo interno del toroide con accoppiamento / coniugazione potenziale di sovrapposizione (vedere inserto a destra). L'aspetto nidificato (auto simile) e la dimensione 4-D del toro sono indicate con le inset di sinistra sotto. La dinamica del toroide è implicita in un inerente asse di rotazione e il flusso ricorrente delle informazioni d'onda in un flusso bi-spirale. Lo stato integrale del toro descrive una presunta fase del nostro universo in cui tutte le informazioni vengono raccolte e gravitazionalmente compresse in un terminale foro nero in cui tutte le informazioni sono proiettate olograficamente su uno schermo virtuale (il suo orizzonte evento). Le informazioni sono proiettate sull'orizzonte del buco nero e proposte di essere passate attraverso una struttura del wormhole che è intrinsecamente connesso ad un foro bianco. Quest'ultimo è strumentale nella dispersione delle particolari informazioni in una successiva (nidificata) versione di un ciclico universo (Meijer, 2015). L'aspetto del tempo nel modello è rappresentato dai piani a triangolo colorati: il piano rosso rappresenta il tempo presente come una proiezione posteriore delle onde passate e future, secondo l'interpretazione transazionale di quantum fisica di John Cramer, il piano verde sotto indica il tempo passato e il piano verde al di sopra indica il tempo futuro.

giovedì 2 novembre 2017

Wormhole attraversabile


I wormhole attraversabili sono da tempo una fonte di fascino come metodo di trasporto a lunga distanza. Questo fenomeno ha un'interpretazione interessante nel contesto di ER = EPR, o in poche parole relative a wormholes spaziali (time wormholes, ER) e quantum entanglement (EPR). E potrebbe essere legato alla teleportazione quantistica.
La relazione ER = EPR è stata proposta da Juan Maldacena e Leonard Susskind nel 2013. Significa che il ponte Einstein Rosen (ER o wormhole) tra due buchi neri viene creato da EPR (Einstein-Podolsky-Rosen o quantum entanglement) correlazioni tra i microstati dei due fori neri.

ER=EPR


In un lavoro recente, la squadra guidata da Ping Gao ha proposto un nuovo approccio per mantenere aperto un wormhole. Questo risultato teorico è stato ottenuto aggiungendo alcune interazioni che abbracciano i due confini dell'eterno AdS-Schwarzschild che hanno generato un tensore di stress di materia quantistica con una media negativa di energia nullo. Mostra che il ponte Einstein-Rosen di un buco nero BTZ diventa leggermente traversabile dopo l'aggiunta di un accoppiamento a due corsie. Facendo questo, il wormhole può essere aperto solo per un piccolo tempo corretto nella regione interna.
"Il wormhole traversato che abbiamo trovato ha un'interpretazione interessante nel contesto di ER = EPR. Maldacena e Susskind hanno congetturato che qualsiasi coppia di sistemi quantistici intrecciati sia collegata da un ponte Einstein-Rosen (il wormhole non attraversabile). La differenza fondamentale nel nostro lavoro è quella di consentire l'interazione tra i sistemi impigliati, che si suppone siano trascurabili in ER = EPR. Quello che abbiamo dimostrato è che in questo caso il ponte Einstein-Rosen può aprire per diventare un wormhole traversabile."

Questa scoperta della possibilità teorica di wormholes attraversabili potrebbe portare a molteplici applicazioni dal miglioramento delle reti di telecomunicazione quantistica a un possibile sistema di teletrasporto in futuro.

Articolo completo

mercoledì 1 novembre 2017

Nuovi approcci alla ricostruzione derivante dal vuoto.

In questo articolo viene spiegata la teoria secondo cui la realtà derivante dal vuoto sia strutturata in tubi flessibili. Nella nostra esposizione abbiamo elencato come l'effetto tunnel coordinato in onde stazionarie connesse al dominio del vuoto sia la topologia basilare per la strutturazione di spazio-tempo. Interessante notare come l'evoluzione delle teorie porti ad un immaginario simile pur con linguaggio diverso, frutto di una coo-dinamica spaziale/mentale condivisa......



In un recente lavoro, i ricercatori hanno proposto una nuova spiegazione topologica per la dimensionalità dello spazio-tempo. Essi hanno suggerito una struttura per il vuoto costituito da una rete di tubi flessibili fortemente annodati / collegati. Poiché la rete può essere topologicamente stabile solo in tre dimensioni spaziali, questo scenario fornisce una spiegazione dinamica per l'esistenza di esattamente tre grandi dimensioni spaziali nel nostro Universo.

A questo punto, questa teoria è solo un modello che collega la struttura del vuoto con il più presto periodo della formazione del nostro universo. Tuttavia, potrebbe spiegare alcune domande ardenti su come il cosmo si è evoluto nella sua forma attuale.

mercoledì 18 ottobre 2017

Le forme a labirinto delle tele di ragno possono contribuire a ridurre l'inquinamento acustico

Questa soluzione è dovuta sostanzialmente al coefficiente di coerenza indotto nelle onde lunghe elastiche del suono tramite la geometria compressiva della tela del ragno, così che le onde lunghe possano diventare più innestabile nelle onde corte,, riducendo il rumore di fondo. Il suono funziona alla stessa maniera del campo vibrazionale che tramite la coerenza aumenta la densità e la capacità di accelerare in onde corte frattalmente................



(Phys.org) - I ricercatori hanno dimostrato che la geometria di un ragno naturale può essere utilizzato per progettare nuove strutture che affrontano una delle sfide più importanti nel controllo del suono: ridurre il rumore a bassa frequenza, il secondo problema ambientale più diffuso Europa dopo l'inquinamento atmosferico.


I ricercatori, Anastasiia Krushynska e Federico Bosia all'Università di Torino; Marco Miniaci dell'Università di Le Havre; e Nicola Pugno all'Università di Trento, la Queen Mary University di Londra e l'Agenzia Spaziale Italiana, propongono un nuovo approccio a questo problema in un recente numero del New Journal of Physics .
"Questo lavoro fornisce un nuovo approccio promettente per ottenere un'attenuazione del rumore a bassa frequenza", ha dichiarato Pugno a Phys.org . "La strategia si basa sulla progettazione di  che combinano i vantaggi di una geometria a  come l'approccio spazio-coiling dei canali labirintici. Questa struttura fornisce anche un modo semplice e affidabile per introdurre la sintonizzazione nella manipolazione del suono, che è molto auspicabile per applicazioni pratiche ".
Poiché  sono caratterizzati da lunghezze d'onda lunghe, la schermatura di queste onde acustiche richiede tipicamente strutture molto spesse e pesanti costose e impraticabili per la maggior parte delle applicazioni.
Un approccio alternativo è quello di utilizzare  recentemente sviluppati. Mentre le barriere acustiche tradizionali si basano sulla composizione e sullo spessore del materiale per manipolare il suono, i metamateriali lo fanno con la loro intricata struttura a scala di lunghezze secondarie. Di conseguenza, i metamateriali possono essere molto sottili, ma possono comunque effettivamente ridurre e manipolare i suoni a bassa frequenza.
Nel nuovo studio, i ricercatori hanno basato il loro progetto su un nuovo concetto chiamato metamateriali labirintici o "bobine spaziali", proposto per la prima volta qualche anno fa. I metamateriali labirintici consistono in strati di canali zig-zag piegati in relazione tra loro, dando loro un aspetto labirinto.
Una tale metamaterial labirintica è configurata in forma di ragnatela. Gli autori dell'attuale studio hanno recentemente mostrato che questa geometria è particolarmente efficace nell'attenuazione (o riduzione dell'intensità) di onde elastiche. Ora, nel loro nuovo studio, i ricercatori hanno modificato il progetto metamateriale labirintico proposto in precedenza aggiungendo un telaio quadrato, in modo che la struttura risultante somiglia a un ragno convenzionale e dimostra che questa semplice modifica crea cavità d'aria che permettono la variazione delle larghezze di ciascuna canale nel web. Controllando le larghezze dei canali, i ricercatori hanno dimostrato che è possibile sintonizzare le proprietà acustiche del metamateriale, compreso il modo in cui si disperde e riflette le onde sonore.
I ricercatori si aspettano che la metamaterial strutturata da ragno, progettata per essere in alluminio, possa essere facilmente prodotta, rendendola potenzialmente utile per un'ampia varietà di applicazioni che comportano manipolazione sonora a bassa frequenza.
"Anche se geometrie simili hanno mostrato promesse per l'attenuazione delle vibrazioni a bassa frequenza, i metamateriali sviluppati non possono essere applicati direttamente alla schermatura sismica, in quanto manipolano onde acustiche (ariete) e non onde elastiche", ha spiegato Pugno. "Le loro applicazioni includono il controllo del suono a bassa frequenza e dell'isolamento di rumore che rimangono impegnativi con gli approcci tradizionali, nonché l'acustica di trasformazione e  messa a fuoco  , come nelle sale da concerto".


Leggi ancora fonte

lunedì 16 ottobre 2017

La teoria dell'onda pilota spiega l'azionamento di EM

L' azionamento EM - un propulsore a cavità a ricircolo di frequenza radiofonica (RF) sembra produrre una spinta "impossibile". Impossibile - in quanto apparentemente violerebbe la terza legge del movimento di Newton: "Per ogni azione c'è una reazione uguale e opposta". Adesso in un recente articolo di un gruppo di fisici portoghesi, guidato dal Prof. Jose Croca del Centro per la Filosofia delle scienze dell'Università di Lisbona, presentano una possibile spiegazione per questa spinta "impossibile" osservata.
L'azionamento EM è stato proposto per la prima volta nel 2001 dall'inventore britannico Roger Sawyer e successivamente è stato testato da numerosi gruppi in tutto il mondo accanto a possibili spiegazioni per la sua propulsione. Tuttavia, ancora un argomento caldo di dibattito, un consenso sul livello di spinta e una spiegazione per la spinta non è stato trovato.
Croca e la sua squadra sperano di cambiare questo attraverso la loro spiegazione utilizzando una vecchia teoria nota come fisica euritmica. La parola euritmica deriva da due parole greche eu , che significa bene e rhuthmós , che significa simmetria, o ritmica, e nel contesto della fisica implica "il percorso migliore".
La fisica eurica è una sorta di teoria delle onde pilota, inizialmente proposta da de Broglie e sviluppata ulteriormente dai suoi studenti e colleghi e ora da Croca. Esso comprende sia la meccanica quantistica che la fisica macroscopica per descrivere le interazioni dal punto di vista della dinamica wavelike non lineare. Nel contesto qui preso - nel tentativo di spiegare la "spinta impossibile" degli azionamenti EM, la terza legge di Newton viene considerata come proprietà emergente a causa delle interazioni tra particelle e campi in cui si pensa che il campo eserciti una forza determinata dalla dimensione e geometria della cavità risonante.
Tale spiegazione è in accordo con le teorie fisiche unificate di Nassim Haramein, in cui lo spazio non è vuoto e invece è un campo energetico di informazioni - con questa comprensione che l'azionamento EM non viola la terza legge del movimento di Newton - sta spingendo contro vuoto, dove la cavità risonante conica fornisce l'asimmetria o il gradiente differenziale necessario per produrre la spinta!

domenica 15 ottobre 2017

Risolvere la ricerca più enigmatica di Kepler


Nel settembre 2015, un astronomo amatoriale DM LaCourse e Tabetha Boyajian, un assistente professore, hanno scoperto la stella KIC 8462852 usando i dati pubblici del telescopio Kepler. Situato nel cluster NGC 6866, questa stella chiamata "Stella di Tabby" è molto particolare grazie a una notevole dimmerazione istantanea che può essere dovuta a grandi oggetti irregolari che transitano. Ma la dimmerizzazione è così grande (20%) che non può essere spiegata con i pianeti. Le nuvole molecolari sono anche escluse a causa dell'assenza di emissioni di eccessive emissioni IR. Super comete enormi possono spiegare questo, ma una possibilità che rimane aperta è una struttura enorme costruita da alieni per qualsiasi motivo che attraversa la stella.
Le stelle stellate sono interessanti per più motivi. Uno di loro è che un modello di dimagrimento è come troviamo gli esopianeti. Quando un pianeta passa tra noi e la sua stella ospite in orbita, la luce della stella diminuisce dalla nostra prospettiva.Pertanto, il telescopio Kepler trascorre molto tempo a cercare queste stelle oscure

giovedì 12 ottobre 2017

Ricerche scioccanti per alcuni scienziati: le emozioni creano la realtà....

Mi chiedo quanto sia veramente scioccante per uno scienziato serio, comunque .......



Tre diversi studi, fatti da diverse squadre di scienziati, hanno dimostrato qualcosa di veramente straordinario. Ma quando una nuova ricerca collegava queste tre scoperte, si è reso conto di qualcosa di sconvolgente, qualcosa che si nasconde in vista.

L'emozione umana forma letteralmente il mondo che ci circonda. Non solo la nostra percezione del mondo, ma la realtà stessa.

Le emozioni formano la realtà fisica.

Nel primo esperimento, il DNA umano, isolato in un contenitore sigillato, è stato posizionato vicino ad un soggetto di prova. Gli scienziati hanno dato al donatore uno stimolo emotivo riscontrando che le emozioni hanno colpito il loro DNA in un'altra stanza.

In presenza di emozioni negative il DNA si è stretto. In presenza di emozioni positive le bobine del DNA si sono rilassate.

Gli scienziati hanno concluso che "l'emozione umana produce effetti che sfidano le leggi convenzionali della fisica".

Le emozioni hanno un effetto sulla realtà

Nel secondo, esperimento simile ma non correlato, un diverso gruppo di scienziati ha estratto i leucociti (globuli bianchi) dai donatori e messo in camere in modo da poter misurare i cambi elettrici.

In questo esperimento, il donatore è stato collocato in una stanza e sottoposto a "stimolazione emotiva" composta da clip video che hanno generato diverse emozioni nel donatore.

Il DNA è stato collocato in una stanza diversa nello stesso edificio. Sia il donatore che il suo DNA sono stati monitorati e mentre il donatore ha mostrato picchi o valli emozionali (misurati da risposte elettriche), il DNA ha mostrato le risposte IDENTICHE ALL'ESATTENTE ESATTO.

Il DNA risponde alle nostre emozioni

Non c'era tempo di ritardo, nessun tempo di trasmissione. I picchi e le valli del DNA si associarono esattamente ai picchi e alle valli del donatore nel tempo.

Gli scienziati volevano vedere quanto lontano potevano separare il donatore dal suo DNA e ancora ottenere questo effetto. Hanno smesso di sperimentare dopo aver separato il DNA e il donatore da 50 miglia e STILL ha avuto il risultato stesso. Nessun tempo di ritardo; nessun tempo di trasmissione.



Il DNA e il donatore avevano le stesse risposte identiche nel tempo. La conclusione è che il donatore e il DNA possono comunicare oltre lo spazio e il tempo.

Il terzo esperimento ha dimostrato qualcosa di piuttosto scioccante!

Gli scienziati hanno osservato l'effetto del DNA sul nostro mondo fisico.

I fotoni chiari, che costituiscono il mondo intorno a noi, sono stati osservati all'interno di un vuoto. Le loro posizioni naturali erano completamente casuali.


Il DNA umano è stato quindi inserito nel vuoto. Da allora i fotoni non stavano più agendo casualmente. Eseguirono con precisione la geometria del DNA.

mercoledì 11 ottobre 2017

Imparare ad usare la tecnologia globale della coscienza

La bassa attività geomagnetica con l'indice KP compreso tra 0 e 2, rende la giornata di ieri, oggi e domani una buona opportunità meditativa.
L'organismo umano è energicamente legato alla Terra attraverso interazioni elettromagnetiche nell'ambito di "estremamente bassa frequenza" le onde (ELF). Queste frequenze interagiscono con il sistema globale attraverso le risonanze Schumann , che vanno dai 7,83hz fino a 39hz. Il corpo umano, in particolare il cuore e il cervello, risuonano alla stessa gamma di frequenza misurata da un ECG e da un EEG.

Il cuore è un oscillatore a cristalli liquidi piezoelettrici che produce forti impulsi elettromagnetici, regolati o attenuati dal cervello, irradiandosi verso l'esterno fino a 30 metri dal corpo. Attraverso gli stati d'animo coerenti (di solito attraverso la meditazione e / o il canto, il suono, lo yoga o il qi gong), la mente può concentrare le energie del cuore in un campo coerente in grado di interagire o "collegare" il campo globale.
La sovrapposizione ad arco che si ha tra il campo personale e quello terrestre distribuisce quell'effetto d'onda coerente e frattale che crea la consapevolezza.  Infatti le onde riescono a cambiare scala grazie ai rapporti perfettamente ordinati aumentando la densità informativa. Questo rende il campo terrestre pilotabile ma soprattutto lo rende frattale e ricorsivo per un'innestamento frattale possibile al prossimo picco solare, così da essere in grado di mantenere la propria carica e consapevolezza.
Lo stesso principio che permette alla consapevolezza di attrarre forza dalle correnti solari è contenuto nel cuore umano in presenza di un risucchio coerente presente quando è in amore e compassione.
Infatti quando si osserva il sopraggiungere della compassione in un cuore umano si può vedere nell'ECG la comparsa della coerenza fra 0 e 35 hertz (che è l'ampiezza coerente della Risonanza di  Schumann).
 Il dottor Michael Persinger ha condotto una ricerca sulla mente globale, affermando che il campo geomagnetico, grazie alle frequenze di Schumann, ha il potenziale di collegarsi alla mente umana, permettendo di "memorizzare" le informazioni nel campo della terra. E 'stato in grado di dimostrare storicamente che durante i momenti di bassa attività geomagnetica, gli individui sperimentavano una maggiore cognizione spontanea o ricevevano download telepatici. Al contrario, in tempi di elevata attività geomagnetica, i download telepatici sono diminuiti.

Il campo geomagnetico è il campo più grande della terra, immergendo tutte le cose viventi e gli esseri umani in un campo magnetico coerente. Attraverso il principio del trascinamento o della sincronizzazione , regolata dalla risonanza simpatica elettromagnetica, le informazioni all'interno di un essere umano possono "caricare" nel campo geomagnetico, che possono essere "scaricate" ad altre persone e avere effetti stabilizzanti su qualsiasi corpo elettrico. Maggiore è la coerenza dell'individuo, più è probabile che lo informino il campo geomagnetico. Maggiore è la coerenza del campo geomagnetico, più è probabile che le informazioni possano essere condivise tra gli individui.

Durante i periodi di bassa attività geomagnetica, il campo elettromagnetico dell'organismo umano si inserisce nel campo geomagnetico ( coniugazione di fase ), permettendo di scambiare informazioni tra ciascun sistema in modo coerente (senza degradazione).

Imparare ad usare questa tecnologia naturale diventa quindi indispensabile....