martedì 5 dicembre 2017

Geometria della mente infinita di Ernest Richards


Geometry of the Infinite Mind di Ernest Richards

In che modo l'universo comunica con se stesso, e quindi con le sue forme di vita, senza la dipendenza dal tempo? La teoria della gravità dell'onda elettromagnetica verrà utilizzata per dimostrare l'accoppiamento di onde di informazioni intergalattiche tramite trasmissioni longitudinali istantanee dentro e fuori il sistema solare. Con la trama della risonanza del sistema solare, l'accoppiamento interplanetario, le risonanze magnetosferiche e di Schumann e le oscillazioni geomagnetiche della Terra, inizieremo a capire in che modo questa informazione cosmica diventa disponibile per le bioenergie umane. Il corpo umano schierato verticalmente rileva e funziona all'interno del potenziale elettrico atmosferico locale in continua evoluzione della Terra e le onde gravitazionali longitudinali che la Terra intercetta sono percepite dal sistema nervoso del corpo umano. Una molteplicità di segnali di vibrazione del sistema solare si verificano all'interno delle stesse ottave dello spettro dei segnali del cervello / corpo rilevati. I segnali di campo vicino alla lunghezza d'onda estremamente bassa ea bassa lunghezza d'onda associati all'accoppiamento di gravità interstellare e intergalattica saranno mostrati per essere rilevati in modo simile dal nostro meccanismo di percezione del cervello / corpo. Questi segnali di informazione presenti in natura determinano cambiamenti all'interno dei percorsi energetici del corpo umano, ristrutturano le risonanze dell'acqua del corpo, modulano i processi del DNA e stimolano altri ritmi circadiani del ritmo.

Leggi l'articolo completo

I risultati ondulatori sul DNA di Gariaev


Fonte: Peter Gariaev




GENETICA WAVE LINGUISTICA 

1) Che l'evoluzione dei biosistemi ha creato "testi" genetici, simili ai testi naturali dipendenti dal contesto nei linguaggi umani, modellando il testo di questi schemi simili a parole.
2) Che l'apparato cromosomico agisce simultaneamente sia come sorgente che come ricevitore di questi testi genetici, decodificandoli e codificandoli rispettivamente, e
3) Che il continuum cromosomico degli organismi pluricellulari è analogo a un reticolo olografico spazio-temporale a multiplex statico-dinamico, che comprende lo spazio-tempo di un organismo in una forma contorta.
Vale a dire, l'azione del DNA, la teoria predice e quale esperimento conferma,
i) è quello di un laser "gene-sign" e dei suoi campi elettroacustici solitari, tale che il gene-biocomputer "legge e capisce" questi testi in modo simile al pensiero umano, ma al suo stesso livello genomico di "ragionamento" ”. Asserisce che i testi umani naturali (indipendentemente dal linguaggio usato) e i "testi" genetici hanno caratteristiche matematico-linguistiche e entropico-statistiche simili, dove questi riguardano la frattalità della distribuzione della densità di frequenza del carattere nei testi naturali e genetici, e dove nel caso di "testi" genetici, i caratteri sono identificati con i nucleotidi, e ii) che le molecole di DNA, concepite come un continuum gene-segno di qualsiasi biosistema, sono in grado di formare pre-immagini olografiche di biostrutture e dell'organismo nel suo complesso come un registro di "copie d'onda" dinamiche o "matrici", che si succedono l'un l'altro. Questo continuum è il campo di misurazione e calibrazione per la costruzione del suo biosistema.
1. Quale teoria predice.
1.1 Introduzione.
Come ha preso forma questa nuova teoria? Il problema principale della creazione del codice genetico, come si vede in tutti gli approcci [Gariaev 1994; Fatmi et al. 1990; Perez 1991: Clement et al. 1993; Marcer, Schempp 1996; Patel, 2000] doveva spiegare il meccanismo mediante il quale viene selezionato un terzo nucleotide in una tripletta codificante. Per capire, che tipo di meccanismo risolve questo problema tipicamente linguistico di rimozione dell'omonimo indefinito, è necessario in primo luogo postulare un meccanismo per l'orientamento delle onde di contesto dei ribosomi al fine di risolvere il problema di una precisa selezione di amminoacido durante la sintesi proteica [ Maslow, Gariaev 1994]. Ciò richiede che alcune funzioni generali di informazione intermedi con una capacità molto piccola, nel processo di convoluzione rispetto allo sviluppo di schemi regolatori di segno dei campi fisici endogeni del genoma-biocomputer. Conduce alla concettualizzazione della memoria olografica associativa del genoma e della sua nonlocalità quantistica. Queste ipotesi producono un apparato cromosomico e canali di informazione genetica ad onda rapida che collegano i cromosomi delle cellule separate di un organismo in un continuum olistico, lavorando come biocomputer, dove uno dei tipi di campo prodotti dai cromosomi sono le loro radiazioni. Questa capacità postulata di tali "radiazioni laser" da cromosomi e DNA, come verrà mostrato, è già stata dimostrata sperimentalmente a Mosca dal gruppo Gariaev. Sembra quindi che le nozioni accettate sul codice genetico debbano cambiare fondamentalmente, e così facendo non sarà solo possibile creare e comprendere il DNA come un biocomputer ad onde, ma ottenere dalla natura una comprensione più fondamentale di quali informazioni [Marcer in premere] lo è davvero! Per gli esperimenti del gruppo Gariaev a Mosca e Toronto, affermano che l'attuale comprensione dell'informazione genomica, cioè il codice genetico, è solo metà della storia [Marcer questo volume].
1.2 Che esperimento conferma, prima parte.
Questi approcci ondulatori richiedono tutti che la proprietà fondamentale dell'apparato cromosomico sia la nonlocalità dell'informazione genetica. In particolare, nonlocalità / teleportazione quantistica nell'ambito dei concetti introdotti da Einstein, Podolsky e Rosen (EPR) [Sudbery 1997; Bouwmeester et al.1997]. Questa non-posizione quantistica ora, con il lavoro sperimentale del Gruppo Gariaev, è stata direttamente correlata (i) alle radiazioni laser dai cromosomi, (ii) alla capacità del cromosoma di ruotare il piano di polarizzazione dei propri fotoni irradiati e occlusi e ( iii) alla sospetta capacità dei cromosomi, di trasformare le proprie radiazioni laser di segni genetici in onde radio a segno genetico a banda larga. In quest'ultimo caso, le polarizzazioni dei fotoni laser cromosomici sono collegate nonlocalmente e coerentemente alle polarizzazioni delle onde radio. Parzialmente, questo è stato dimostrato durante gli esperimenti in vitro, quando i preparati del DNA che interagiscono con un raggio laser (= 632.8 nm), organizzati in un certo modo, polarizzano e convertono il raggio simultaneamente in un intervallo di frequenze radio. In questi esperimenti, è stato rilevato un altro fenomeno estremamente rilevante: i fotoni, modulati all'interno della loro polarizzazione da molecole della preparazione del DNA. Questi si trovano ad essere localizzati (o "registrati") sotto forma di un sistema di eterogeneità di specchi laser. Inoltre, questo segnale può "essere letto" senza alcuna perdita essenziale delle informazioni (come predice la teoria [Gariaev 1994, Marcer, Schempp 1996]), sotto forma di onde radio polarizzate isomorfe (in relazione ai fotoni). Sia la ricerca teorica che quella sperimentale sulla condizione contorta dei fotoni localizzati testimoniano quindi a favore di queste proposizioni.
Questi approcci di ricerca indipendenti portano anche al postulato, che le fasi a cristalli liquidi dell'apparato cromosomico (gli analoghi dello specchio laser) possono essere considerate come un ambiente frattale per immagazzinare i fotoni localizzati, in modo da creare un continuum coerente di quello quantico non distribuito equamente informazioni genomiche di onde radio polarizzate. In una certa misura, ciò corrisponde all'idea della non-identità quantistica del genoma, postulata in precedenza, o per essere precisi, con una variazione di essa.
Questa variazione dice che l'informazione sull'onda genetica dal DNA, registrata all'interno delle polarizzazioni dei fotoni collegati, essendo quantico-non locale, costituisce uno spettro di onde radio a banda larga correlato - mediante polarizzazioni - con i fotoni. Qui, il principale canale di informazione, almeno per quanto riguarda il DNA, è il parametro di polarizzazione, che non è locale ed è lo stesso per entrambi i fotoni e le onde radio. Una caratteristica caratteristica è che l'immagine di Fourier degli spettri radio è dinamica, dipende essenzialmente dal tipo di materia interrogata. Si può quindi affermare che questo fenomeno riguarda un nuovo tipo di memoria di un computer (e di biocomputer), e anche un nuovo tipo di spettroscopia EPR, in particolare uno con spettroscopia di polarizzazione a laser a onda laser. La nozione fondamentale è che il fotone Le caratteristiche di onde radio laser di diversi oggetti (ovvero gli spettri di Fourier delle onde radio di cristalli, acqua, metalli, DNA, ecc.) vengono memorizzate per determinati ma variabili volte mediante specchi laser, in modo che gli "spettri speculari" riguardino il caotico attrattori con dinamiche frattali dinamiche complesse, ricorrenti nel tempo. Gli esperimenti del gruppo Gariaev sono quindi non solo unici in sé, sono un primo esempio, che esiste un nuovo ambiente di memorizzazione / registrazione statico (specchi laser) in grado di registrare direttamente lo spazio -time comportamento dinamico rotante atomico / molecolare di oggetti. Inoltre, i fenomeni, rilevati da questi esperimenti descritti nella seconda parte, stabiliscono l'esistenza di un tipo essenzialmente nuovo di segnale radio, in cui l'informazione è codificata da polarizzazioni di vettori elettromagnetici. Questa sarà la base di un nuovo tipo di registrazione video e creerà anche una nuova forma di cinema.
Ulteriori ricerche sperimentali hanno rivelato l'alta attività biologica (genetica) di tali onde radio, quando generate dalle giuste condizioni dal DNA. Ad esempio, grazie a tali radiazioni del DNA prodotte artificialmente, è stata raggiunta la crescita super veloce delle patate (fino a 1 cm al giorno), insieme a drammatici cambiamenti di morfogenesi che hanno portato alla formazione di piccoli tuberi non su portainnesto ma su steli. Le stesse radiazioni si sono rivelate anche in grado di provocare una "rianimazione" statisticamente autentica dei semi morti della pianta Arabidopsis thaliana, che sono stati prelevati dall'area di Chernobyl nel 1987. Per contro, il monitoraggio delle radiazioni da parte di onde radio polarizzate, che fanno non portare informazioni dal DNA, si osserva che è biologicamente inattivo. In questa sequenza di esperimenti, sono state ottenute ulteriori prove a favore della possibilità dell'esistenza dell'informazione genetica nella forma della polarizzazione di un campo fisico di onde radio. Ciò supporta la supposizione che il principale canale di informazione in questi esperimenti sia la modulazione di biosign delle polarizzazioni mediata da una qualche versione della nonlocalità quantistica. Un fatto ben noto può quindi essere visto in una nuova luce, vale a dire che le informazioni biomacromolecole - DNA, RNA e proteine ​​- hanno una capacità esplicita di dispersione ottica rotatoria di luce visibile e di dicroismo circolare. Allo stesso modo, le componenti a basso peso molecolare dei biosistemi, come saccaridi, nucleotidi, amminoacidi, porfirine e altre biosostanze hanno la stessa capacità;una capacità, che fino ad ora ha avuto poco senso biologico. Ora, tuttavia, sostiene, la tesi che questo fenomeno appena rilevato di attività ottica quantizzata può essere considerato come il mezzo con il quale l'organismo ottiene informazioni illimitate sul proprio metabolismo. Cioè, tale informazione viene letta dalle radiazioni laser endogene dei cromosomi, che, a loro volta, producono l'emissione radio ("semantica") regolativa del biocomputer del genoma. Inoltre, l'apparente incoerenza tra le lunghezze d'onda di tali radiazioni e le dimensioni di organismi, cellule e strutture di sottocelle viene abrogata, poiché le risonanze semantiche nello spazio dei biosistemi sono realizzate non al livello della lunghezza d'onda, ma al livello delle frequenze e degli angoli di torsione delle modalità di polarizzazione. Questo meccanismo è la base per la scansione in vitro-in-vivo artificiale del laser-onda dell'organismo e dei suoi componenti.
Tuttavia, la nonlocalità del cromosoma quantistico come fenomeno dell'informazione genetica è vista come particolarmente importante negli organismi multicellulari e come applicata su vari livelli.
Il livello 1-st è che l'organismo nel suo complesso. Qui la nonlocalità si riflette nella capacità di rigenerazione, tale che qualsiasi parte del corpo ricrea l'intero organismo, come, ad esempio, nel caso del worm Planaria. Vale a dire, qualsiasi limitazione locale delle informazioni genetiche a qualsiasi parte di un biosistema è totalmente assente. Lo stesso riguarda la riproduzione vegetativa delle piante.
Il 2 ° livello è il livello cellulare. Qui è possibile far crescere un intero organismo da una singola cellula. Tuttavia con biosistemi animali altamente evoluti, questa sarà una questione complessa.
Il 3 ° livello è il livello cellulare-nucleare. L'enucleazione dei nuclei dalle cellule somatiche e sessuali e la successiva introduzione in essi di altri nuclei non impedisce lo sviluppo di un organismo normale. La clonazione di questo tipo è già stata effettuata su biosistemi superiori, ad esempio le pecore.
Il 4 ° livello è il livello molecolare: qui, il ribosoma "leggerebbe" l'mRNA non solo sui codoni separati, ma anche nel complesso e in considerazione del contesto.
Il 5 ° livello è il cromosoma olografico: a questo livello, un gene ha una memoria olografica, che è tipicamente distribuita, associativa e non locale, dove gli ologrammi "sono letti" da campi elettromagnetici o acustici. Questi portano l'informazione sull'onda gene oltre i limiti della struttura cromosomica. Così, a questo e ai successivi livelli, la nonlocalità assume la sua natura dualistica dell'onda materiale, come può anche essere vero per la memoria olografica della corteccia cerebrale [Pribram 1991; Schempp 1992; 1993; Marcer, Schempp 1997; 1998]
Il sesto livello riguarda la nonlocalità quantistica del genoma. Fino al sesto livello, la nonlocalità della bioinformazione si realizza nello spazio di un organismo. Il sesto livello ha, tuttavia, una natura speciale; non solo perché è realizzato a livello quantico, ma anche perché funziona sia nello spazio di un biosistema che in un arco temporale del proprio biosistema. I miliardi di cellule di un organismo quindi "si conoscono" l'un l'altro istantaneamente, consentendo al set cellulare di regolare e coordinare il suo metabolismo e le sue funzioni. Pertanto, la nonlocalità può essere postulata come il fattore chiave che spiega il sorprendente risultato evolutivo dei biosistemi multicellulari. Questo fattore dice che gli eventi bioinformatici possono essere coordinati istantaneamente, che si svolgono "qui e là simultaneamente", e che in tali situazioni il concetto di "causa ed effetto" perde di significato. Questo è di grande importanza! La diffusione intercellulare delle sostanze segnale e dei processi nervosi è troppo inerziale per questo scopo. Anche se si ammette che le trasmissioni intercellulari avvengano elettromagneticamente a velocità di luce, questo sarebbe ancora insufficiente per spiegare come i biosistemi altamente evoluti e altamente complessi funzionino in tempo reale [Gariaev 1994; Ho 1993]. L'apparato di nonlocalità quantistica e olografia è nella visione degli autori, indispensabile per una corretta spiegazione di tale lavoro in tempo reale. Quindi il sesto livello dice che i geni possono agire come oggetti quantici e che, è il fenomeno della non-località / teletrasporto quantistica, che garantisce la super coerenza dell'organismo, la super ridondanza dell'informazione, la super conoscenza, la coesione e, come una totalità o intero, l'integrità dell'organismo (viabilità).
In effetti si può affermare che questa nuova comprensione dei biocomputer costituisce un ulteriore passo avanti nello sviluppo della tecnologia informatica in generale. Una comprensione che porterà a un cambiamento totale delle basi costitutive di quella tecnologia, nella storia dell'analogico> del> digitale> in> ora, del computer d'onda o biocomputer semantico figurativo (non locale). Questo biocomputer si baserà sulla nuova comprensione delle forme più elevate della memoria del DNA e sull'apparato cromosomico, come sistema di registrazione, archiviazione, trasduzione e trasmissione di informazioni genetiche, che deve essere considerato simultaneamente sia a livello di materia che a livello di livello di campi fisici. Questi ultimi campi, essendo stati appena studiati, come dimostrato sperimentalmente in questa ricerca, sono portatori di informazioni regolative genetiche e generali, operanti su un continuum di molecole genetiche (DNA, RNA, proteine, ecc.). Qui, tipi di memoria precedentemente sconosciuti (solitone, olografica, polarizzazione) e anche la molecola del DNA, funzionano sia come bioleker che come ambiente di registrazione per questi segnali laser. Il codice genetico, considerato da un tale punto di vista, sarà essenzialmente diverso dal modello generalmente accettato ma incompleto di oggi. Questo, asserisce il modello di biocomputer delle onde, inizia solo a spiegare l'apparato della biosintesi delle proteine ​​degli organismi viventi, fornendo un'importante interpretazione per gli stadi iniziali all'interno di questa nuova catena gerarchica composita di materiale e campo, segno, olografico, semiotico-semantico e , nel caso generale, della codifica figurativa e della decifrazione delle funzioni cromosomiche. Qui le molecole di DNA, concepite come un continuum gene-segno di qualsiasi biosistema, sono in grado di formare pre-immagini di biostrutture e dell'organismo nel suo insieme come un registro di "copie d'onda" dinamiche o "matrici", che si succedono l'un l'altro. Questo continuum è il campo di misurazione e calibrazione per la costruzione di qualsiasi biosistema.
1.3 Caratteristiche del modello d'onda
Adleman [1994], ad esempio, ha utilizzato il meccanismo per il riconoscimento reciproco rapido e preciso tra le mezze catene anti-paralleli del DNA per risolvere il "problema del commesso viaggiatore". Tuttavia, nel modello ondulatorio dei biosistemi, questo è solo un aspetto dell'autoorganizzazione che si svolge. Perché qui, come confermano le prove sperimentali, il riconoscimento reciproco di una catena a mezza parallela anti-DNA (+) dall'altro (-) riguarda speciali onde o solitoni acustici super persistenti / risonanti. Tali solitoni di DNA hanno due tipi di memoria connessi. Il primo è tipico del fenomeno scoperto da Fermi-Pasta-Ulam (FPU) [Fermi, 1972]. Riguarda la capacità dei sistemi non lineari di ricordare le modalità iniziali di energizzazione e di ripeterle periodicamente [Dubois 1992]. I cristalli liquidi di DNA all'interno della struttura cromosomica formano un sistema non lineare. Il secondo è quello del continuum del DNA in un organismo. Tale memoria è un aspetto della nonlocalità del genoma. È quasi-olografico / frattale e si riferisce, come nel caso di qualsiasi ologramma o frattale, alla proprietà fondamentale dei biosistemi, ovvero alla loro capacità di ripristinare il tutto da una parte. Questa proprietà è ben nota (innesto di piante, rigenerazione della coda di una lucertola, rigenerazione di un intero organismo dall'ovocita). E una forma superiore di tale memoria biologica sarebbe una memoria olografica (associativa) della corteccia cerebrale, cioè della sua rete neurale [Pribram 1991; Schempp 1992; Marcer Schempp 1997, 1998; Sutherland 1999]. Pertanto, tale codifica / decodifica del segno d'onda, come la capacità del DNA di risolvere "il problema del commesso viaggiatore", è ipotizzabile, parte integrante della biofunzionalità computazionale del DNA. Infatti le onde solitarie del DNA (solitoni), e in particolare le onde nucleotidiche della rotazione oscillatoria, "leggono" i pattern dei segni del genoma, così che tale dinamica vibratoria del segno può essere considerata come uno dei molti processi semiotici dinamici non lineari genomici. L'espressione "testi del DNA", presa in prestito in precedenza come metafora dai linguisti, risulta quindi correlata direttamente al discorso umano effettivo. Poiché la ricerca matematico-linguistica sul DNA e sui modelli testuali della parola umana mostra [Maslow, Gariaev 1994], il parametro chiave di entrambi questi modelli è la frattalità. Si può quindi ipotizzare che la grammatica dei testi genetici sia un caso speciale della grammatica generale di tutte le lingue umane.
Tornando comunque al calcolo del DNA basato sulle funzioni del segno dell'onda materia al fine di realizzare le sue capacità di codifica delle onde, come distinte quelle utilizzate da Adleman, che potrebbero essere definite le sue capacità di materia. Tali reali capacità di controllo delle onde del DNA o dei cromosomi sono, ipotizziamo, quelle condizioni che si applicano all'interno della cellula vivente, cioè in una soluzione acquosa ma che corrispondono anche a una condizione di cristalli liquidi. In queste condizioni, nelle circostanze uniche della divisione cellulare, la cellula vivente ha la capacità di replicarsi e ha la proprietà di ciò che in relazione ad un automa autoreferenziale, von Neumann [1966] ha definito "costruzione universale del computer" in modo tale che potremmo dire che la cellula vivente è un computer basato sul DNA [Marcer Schempp 1997a]. E mentre la clonazione artificiale di una singola cellula non è ancora fattibile, ciò che siamo stati in grado di fare, è registrare l'informazione dell'onda del DNA appropriata a queste condizioni del segno dell'onda del DNA in una cellula su specchi laser, e usare, per esempio, l'informazione dell'onda del DNA registrata dai semi viventi sotto forma di onde radio per resuscitare i corrispondenti semi "morti" danneggiati dalla radioattività.
Il prossimo passo avanti è quindi quello di introdurre nell'uso generale tali informazioni e memoria come ora identificate di recente in relazione al DNA e alla struttura dei geni. Tali applicazioni potrebbero essere basate, ad esempio,
i) Fenomeno di ricorrenza FPU e / o
ii) La possibilità di registrare ologrammi, nonché,
iii) La registrazione delle informazioni del DNA dell'onda di polarizzazione su fotoni localizzati.
Per quanto riguarda volume e velocità, tale memoria potrebbe superare molte volte i dischi magnetici e ottici ora disponibili, così come i sistemi olografici classici attuali. Ma in particolare, tali applicazioni possono impiegare i principi della nonlocalità quantistica. Poiché il DNA e il genoma sono stati identificati come ambienti "simili al laser" attivi, dove, come dimostrato sperimentalmente, i preparati cromosomici possono agire come una memoria e come "laser", con le abilità i), ii) e iii) sopra. Infine, ci sono le caratteristiche quasi linguistiche del DNA, in quanto riguardano sia i testi genetici naturali, sia le sequenze sintetiche (di segni sintetici) dei polinucleotidi, che emulano i programmi genetici naturali quasi linguistici. Tuttavia, riteniamo che questo possa essere un percorso piuttosto pericoloso, in cui è indispensabile un sistema normativo di divieti sui geni delle onde artificiali. La ragione è che un tale approccio alla biocomputazione dell'onda del DNA significa entrare in nuove aree semiotiche del genoma umano e della biosfera in generale; aree, che vengono utilizzate dalla Natura per creare l'umanità. Questo pensiero deriva dagli studi teorici su una simmetria collettiva del codice genetico condotto dal laboratorio di Eigen [Scherbak, 1988] presso l'Istituto Max Planck in Germania. Questa ricerca mostra che la parte fondamentale dell'informazione, già registrata e ancora registrata come quasi-discorso nei cromosomi di tutti gli organismi sul nostro pianeta, può riguardare influenze esobiologiche semantiche, poiché riguardo alla biocomputazione dell'onda del DNA, il DNA agisce come una specie di antenna aperta alla ricezione non solo delle influenze interne e dei cambiamenti all'interno dell'organismo, ma anche di quelli esterni. Anzi, consideriamo questo come una delle nostre scoperte primarie, che in vista della nonlocalità quantistica degli organismi si estende non solo all'ambiente locale dell'organismo, ma anche al di là di esso fino all'estensione dell'universo.
Con riferimento a ciò che abbiamo già detto, è possibile offrire le seguenti prospettive sulle manipolazioni dei segni con le strutture dei geni.
1. Creazione di memoria artificiale su molecole genetiche, che possiederà davvero un volume e una velocità fantastici.
2.Creazione di biocomputer, basati su questi principi totalmente nuovi della biocomputazione dell'onda del DNA, che usano il teletrasporto quantistico [Sudbury 1997] e possono essere paragonati al cervello umano per quanto riguarda i metodi di elaborazione dei dati e le capacità funzionali.
3.L'implementazione di un monitoraggio remoto dei processi chiave di informazione all'interno di biosistemi mediante tali biocomputer artificiali, con conseguente trattamento per cancro, AIDS, deformità genetiche, controllo sui processi socio-genetici e infine prolungamento della vita umana.
4. Protezione attiva contro gli effetti distruttivi delle onde, grazie ai rilevatori del canale di informazione delle onde.
5. Stabilire contatti esobiologici.
2. Quale esperimento conferma, seconda parte, gli esperimenti
Alcuni degli esperimenti e delle simulazioni al computer effettuate a Mosca sono ora descritti.Hanno illustrato più dettagliatamente in che modo è stata raggiunta la comprensione delle sezioni 1. Queste descrizioni riguardano l'apparato specifico utilizzato e i risultati ottenuti, insieme a simulazioni al computer effettuate per convalidare aspetti specifici della comprensione in via di sviluppo,
Fotografa 1. Questa prima immagine mostra una fotografia dell'apparato sperimentale. Gli elementi principali sono un laser, la cui luce è diretta attraverso un sistema di lenti e un campione di sandwich di DNA come mostrato schematicamente di seguito
Diagramma 1. Illustra il funzionamento dell'esperimento che impiega un sistema dinamico di diffusione della luce del tipo Malvern.
Questa comprensione viene quindi confrontata nella sezione 3 con una prospettiva interamente indipendente ricercata da Marcer e Schempp [1996].
Questo mostra lo scattering per il campione di DNA della luce laser, che viene poi guidato attraverso un altro sistema di lenti nel dispositivo analizzatore di tipo Malvern, che conta i fotoni registrati in diversi canali seriali. I risultati di due esperimenti sono mostrati alla fine del foglio: il primo intitolato "Background - Empty Space", fatto senza un campione di DNA, e il secondo, con il suo posto, intitolato "DNA fisico in soluzione SSC".
Quest'ultimo ha la forma tipica di un pattern periodicamente ricorrente, che è dello stesso tipo funzionale trovato in una autocorrelazione. Tali schemi periodici che si verificano regolarmente hanno un'interpretazione in termini del fenomeno della cosiddetta recidiva di Fermi-Pasta-Ulam, che riguarda le onde solitoniche. Vale a dire, questa interpretazione dice che, grosso modo, il DNA, considerato come uno stato gelatinoso a cristalli liquidi, agisce sulla luce in entrata come un reticolo solitario di Fermi-Pasta-Ulam, come illustrato qui:
La domanda principale, se questo è il caso, è cosa potrebbe ottenere tale azione? L'idea iniziale era che doveva interessarsi alla lettura dei testi genetici codificati nel DNA, dove tuttavia questa metafora del linguaggio viene ora applicata direttamente a questi testi. Vale a dire, piuttosto che la solita analogia che prende tali testi come un linguaggio di computer digitale o un codice di istruzioni simboliche, tali testi sono considerati invece come aventi le caratteristiche grammaticali semantiche e generative di un linguaggio umano dipendente dal contesto scritto o scritto. Cioè, abbiamo concepito che il DNA agisse nello stesso modo in cui l'umano sarebbe, quando viene presentato con un testo da un buon libro su un tema affascinante, che, come viene letto, richiama immagini / immagini tridimensionali reali nell'occhio della mente .
La ragione di questa scelta riguardava il problema nella codifica del DNA sollevato dalla questione della sinonimia e dell'omonimia, in quanto si applica al terzo elemento / codone delle terzine del codone. Per quanto, vedi figura sotto, la sinonimia sembra addirittura fornire una sorta di ridondanza, l'omonimia costituisce una seria difficoltà sotto il postulato spesso proposto che solo i primi due elementi della tripletta del codone del DNA (in piedi per una particolare proteina - l'immagine nella mente occhio, per così dire) sono quelli significativi. Vale a dire, come fa il ribosoma di lettura a sapere quale proteina deve essere generata, se il terzo nucleotide nella tripletta del codone non fornisce di per sé la risposta con totale certezza? La risposta proposta era che questa ambiguità potesse essere risolta da una qualche lettura dipendente dal contesto simile a quella inerente al linguaggio umano e alla comprensione del linguaggio.
Figura: sinonimia contro omonimia
Soddisfacente, questa necessità di spiegare come tale lettura dipendente dal contesto possa essere implementata nel processo di reduplicazione / lettura del DNA, come verrà mostrato, riconduce alle prove sperimentali presentate sopra, poiché supporta il postulato che tale lettura dipendente dal contesto del Il DNA è infatti meglio compreso nel quadro di un modello di processo biosolitico.
Un solitone è un treno d'onde ultra stabile spesso con una forma chiusa apparentemente semplice, che può sorgere nel contesto di oscillazioni ondulate non lineari. In realtà consiste in un insieme piuttosto complesso di strutture a sub-onda, che mantengono l'intero processo solitonico in uno stato stazionario per un tempo relativamente lungo. Nella letteratura, un solitone è spesso descritto come un'entità, che non è né una particella né un'onda nello stesso modo in cui è un quanto, poiché anch'essa ha la dualità onda / particella. Può anche essere un mezzo per trasportare informazioni. L'elaborazione solitonica nel DNA, quindi, è stata ipotizzata, riguarda, in uno dei suoi aspetti, la lettura dei codoni, al calcolo quantistico [Patel 2000], e ciò potrebbe quindi riguardare il solitone visto come la "finestra" itinerante, che si apre nella struttura a doppia elica mentre la lettura avviene, come illustrato di seguito:

Si è quindi deciso di modellare questo processo di lettura come un complesso oscillatore meccanico [Gariaev 1994], in grado di produrre trasmissioni ad onde solitiche, che prende la forma di un sistema di pendoli rotanti, come quelli di un certo tipo di orologio a pendolo, come illustrato,
per vedere se le simulazioni al computer potrebbero gettare più luce su quello che potrebbe accadere nel DNA. Nel modello di base, illustrato e mostrato di seguito, ciascuno dei movimenti oscillatori di ciascun elemento della catena di oscillatori collegati dipende fortemente dal movimento dei suoi vicini e dalle differenze nei pesi specifici degli elementi. Immaginiamo ora che il DNA forma un tale tipo di pendolo, mentre le eliche / catene intrecciate sono aperte in una particolare sezione per fornire la finestra di viaggio, come nella figura precedente. Vale a dire, il modello da simulare è una catena di oscillatori non lineari, i cui quattro tipi possono essere identificati con l'adenina (A), la citosina (C), la guanina (G) e la timina (T) o Componenti del DNA di Uracil (C), tutti con differenti strutture e masse spaziali, e dove c'è una finestra mobile aperta nella doppia elica. Un tale modello consente un modello di oscillazione piuttosto complesso nella catena di elementi del DNA, a seconda della reale disposizione degli elementi come specificato dalla sequenza di codice genetico in questione. La finestra mentre viaggia, è quindi altamente dipendente dal contesto.

A partire dalla seguente sequenza:

(5'
- начало) GGC CTA TGT GGA GAG GAT GAA CTA CGT GCA CCG AGA CCT GCG GGC GGC CAA CAT CCT GGT GGG GGA GAA CCG GGT GTG CAA GGT GGC TGA CTT TGG GCC GGC ACG CCT CAT CGA GGA CAA CGA GTA CAC AGC ACG GCA AGG TGC AAG TTC CCC ATC AAG TGG AGA GCC CCC GAG GCA GCC CTC TAT GGC CGG TTC ACC ATC AAG TCG GAT GTC TGG TCC TTC GGC ATC CTG CTG ACT GAG CTG ACC ACC AAG GGC CGG GTG CCA TAC CCA GGG ATG GGC AAC GGG GAG GTG CTG GAC CGG GTG GAG AGG GGC TAC CGC ATG CCC TGC CCG CCC GAG TGC GCC GC TCG CTG GAT CTG ATG TGC CAG TGC TGG CGG AGG GC CCG GGA GGG GCC CAG TTG TCG AGC TAC CTG CAG GCC CAG CTG CTC CCT GCT TGT GTG GGG GAG GTC GCT GAG TAG TGC GCG AGT AAA ATT TAA GCT ACA ACA AGG CAA GGC TTG ACC GAC AAT TGC ATG AAG CTG CTT AGG GTT AGG CGT TTT GCG CTG CTG CGC GAT GTA CGG GCC AGA TAT ACG CGT ATC TGA GGG GAG TAG GGT GTG TTT AGG CGA AAA GCG GGG CTG CGG TTG TAC GCG GTT AGG AGC CCC CTC AGG ATA TAG TAG TTG CGC TTT TGC ATA GGG AGG GGG AAA TGT AGT CTT ATG CAA TAC TCT TGT AGT CTT GCA ACA TGG TAA CGA TGA GTT AGC AAC ATA CCT TAC AAG GAG AGA AAA AGC ACC GTG CAT GCC GAT TGG AAG TAA GGT GTA CGA TCG TGC CTT ATT AGG AAG GCA ACA GAC CGG GTC TGA CAT GGA TTG GAC GAA CCA CTG AAT TCC GCA TCG CAG AGA TAT TGT ATT TAA GTG CCT AGC TCG ATA CAA TAA ACG CCA TTT GAC CAT TCA CCA CAT TGG TGT GCA CCT GGG TTG ATG GCT GGA CCG TCG ATT CCC TAA CGA TTG CGA ACA CCT GAA TGA AGC AGA AGG CTT CAT - 1020 (3'-конец
le figure che seguono sono quelle della simulazione al computer di questo processo della finestra di viaggio, eseguita in relazione a un particolare frammento di DNA virale. Le prime due figure rispetto alla simulazione, dove la verticale è l'asse del tempo, mostrano cosa succederebbe, nel caso di una lettura dipendente dal contesto a partire da due diversi nucleotidi della catena del DNA, vale a dire il 400 ° e il 450 ° rispettivamente. In entrambi i casi questi riguardano l'attività sotto forma di un "nodo", che scorre attraverso la catena di nucleotidi, A, C, G, T. Le seconde due figure mostrano tipi ancora più sofisticati di effetti dipendenti dal contesto.Questi riguardano i complessi schemi dinamici, che sorgono quando si tiene conto anche delle connessioni covalenti non lineari tra i nucleotidi.




Così assoggettato al presupposto che il DNA sia un certo tipo di struttura a cristalli liquidi con proprietà dinamiche, in cui le attività solitoniche interconnesse sono collegate, come si può supporre, insieme per formare una struttura d'onda altamente coerente, quindi: 
i) Le masse dei nucleotidi e altri parametri mostrano che queste attività oscillatorie dovrebbero essere localizzate da qualche parte nel dominio d'onda "acustico", e

ii) Che, come un cristallo liquido, il DNA potrebbe influenzare la polarizzazione della debole emissione di luce che esiste nelle cellule, i cosiddetti "biofotoni". Questo tipo di luce emessa nelle cellule fu scoperta per la prima volta dall'investigatore russo Alexander Gurwitsch [1923], che la definì "radiazione mitogena". Oggi è noto dal lavoro di Fritz Albert Popp [Popp, 2000], che tale luce biofotonica o mitogenica, pur essendo alquanto corta, è invece d'altra parte, altamente coerente, in modo che abbia una qualità di luce intrinseca simile al laser.

L'impostazione sperimentale e le simulazioni risultanti quindi dicono che:

iii) Il raggio laser sperimentale è semplicemente un sostituto della luce coerente endogena intracellulare emessa dalla molecola di DNA stessa, e che

iv) Le onde coerenti sovrapposte di diversi tipi nelle cellule interagiscono per formare modelli di diffrazione, prima nel dominio "acustico" e secondariamente nel dominio elettromagnetico. Inoltre tali schemi di diffrazione sono per definizione (e come è noto ad esempio dalla risonanza magnetica (MRI) [Binz, Schempp 2000a, b] un tipo di ologramma quantistico, quindi sembra che la nostra immagine originale sia confermata e che l'interazione considerata tra oscillazioni solitoniche nella struttura a cristalli liquidi del DNA e il vettore di polarizzazione della luce altamente coerente biofotonica, potrebbe essere ipoteticamente inteso come un meccanismo di traduzione tra ologrammi nel dominio di frequenza "acustico", che riguarda effetti a raggio piuttosto corto e quelli nel dominio elettromagnetico e viceversa.

La base di un meccanismo così ipotetico come un processo di traduzione, tra ologrammi acustici e ottici, può essere facilmente illustrata in laboratorio, dove, come mostrato di seguito, c'è un pesce illuminato nell'acqua per mezzo della radiazione acustica, in questo modo che sulla superficie dell'acqua si formi un modello di interferenza o un ologramma, in modo tale che quando questo schema di interferenza viene illuminato dall'alto nel modo giusto, alla luce di un'elevata qualità del laser, un'immagine virtuale del pesce appare sopra l'acqua. Mostra che l'ologramma in questione funge da trasduttore olografico tra i domini acustici ed elettromagnetici.
Illustrazione di laboratorio di un trasduttore olografico tra domini acustici ed elettromagnetici

Questa trasduzione illustrata quando descritta in termini di formalizzazione del principio di fonti secondarie di Huygens [Jessel 1954], è stata usata come base per un nuovo principio di calcolo topologico [Fatmi, Resconi 1988] che definisce intere classi di strutture di controllo non commutative , Fatmi et al [1990]. È stato applicato al DNA. e più recentemente al cervello [Clement et al. 1999]. 
3. Un'altra prospettiva teorica ma sperimentalmente convalidata: l'olografia quantistica

Le sezioni 1 e 2 sono in ottimo accordo con il modello di DNA, indipendentemente ricercato, prodotto da Marcer e Schempp [1996]. Questo spiega il funzionamento del biocomputer dell'onda del DNA in termini di una teoria quantistica meccanica chiamata olografia quantistica

[Schempp 1992] usato da Schempp [1998] e Binz e Schempp [2000a, b; 1999] per prevedere correttamente il funzionamento della risonanza magnetica. Questi due modelli di biocomputer a onda di DNA sono anche, come citato, in buon accordo con la spiegazione del modello di qubit del DNA più recentemente pubblicata da Patel [2000], e precedenti modelli di ricerca indipendenti di Clement et al [1993] e Perez [1991].

Il modello di biocomputer olografico dell'onda di DNA quantistico descrive la morfologia e la dinamica del DNA, come un'antenna auto-calibrante funzionante da una risonanza adattiva coniugata in fase in grado di ricevere e trasmettere informazioni olografiche quantistiche memorizzate sotto forma di modelli di diffrazione (che nella risonanza magnetica può essere dimostrato di essere ologrammi quantistici). Il modello descrive come durante lo sviluppo dell'embrione dell'organismo del DNA, questi schemi olografici portano le informazioni olografiche essenziali necessarie per tale sviluppo. Ciò spiegherebbe il modo quasi miracoloso di coordinare l'assemblea moltiplicatrice delle singole cellule attraverso l'intero organismo in ogni fase del suo sviluppo, in totale accordo con la spiegazione arrivata a Mosca da Gariaev e dai suoi collaboratori

La teoria quantistica olografica richiede che il DNA consista di due eliche antiparalleli (coniugati in fase), tra le quali (in conformità con la struttura nota del DNA, cioè i piani su cui avviene l'accoppiamento di basi) la teoria dice che si trovano piani di ologramma / reticoli olografici , dove i necessari 3 dati dell'immagine olografica dimensionale spaziale dell'organismo vengono memorizzati in accordo con l'ipotesi del gruppo Gariaev. Si dice che, come descritto in relazione all'illuminazione laser di un campione di DNA, ci si può aspettare che tale illuminazione trasformi il DNA in una serie di specchi attivi coniugati in fase adattiva (vedi figura sotto) / trasduttori olografici (vedi figura dell'illustrazione di laboratorio precedente) , da cui emergerebbe in modo risonante un fascio di radiazioni, sul quale è trasportata l'informazione olografica codificata nel DNA. Come nel caso del gruppo Gariaev, gli esperimenti sono già stati descritti. Questi esperimenti confermano quindi la previsione quantistica olografica secondo cui il DNA funziona con un'antenna capace di codificare e decodificare informazioni olografiche. Questa funzionalità è anche in accordo con le scoperte di Schempp [1986] che l'olografia quantistica è in grado di modellare antenne come i radar ad apertura sintetica e che questa descrizione matematica del radar può essere applicata [Marcer and Schempp 1997] a un modello, funzionante dall'olografia quantistica, del neurone. Questo modello è in accordo con la morfologia di elaborazione delle informazioni del neurone biologico e la dinamica del segnale. Come del resto sono i modelli olografici quantistici del cervello come sistema cosciente e della cellula procariota [Marcer, Schempp 1996, 1997a]. È un punto di vista originariamente doppiato da de Broglie, che prescientemente rappresentava l'elettrone come guidato dalla propria onda pilota o radar! Questi esempi tra cui la risonanza magnetica dimostrano tutti che l'olografia quantistica in effetti incorpora la teoria dei segnali nella fisica quantistica e può essere ipotizzata la biocomputazione.
Meccanismo o specchio di fase coniugato in laboratorio. Azione di uno specchio di coniugato in fase adattiva attiva

Inoltre, l'olografia quantistica prevede che i piani, in cui avviene l'accoppiamento di basi, costituiscano una memoria olografica associativa "paginata" e una banca di filtri (che trasportano ologrammi che possono essere scritti e letti) e che non ha cross talk tra le pagine. L'ortogonalità degli ologrammi codificati su queste pagine, nasce come risultato delle condizioni di accoppiamento adattivo a frequenza acuta (1), che specificano finestre spettrali molto strette, cioè le "pagine". 
(1) <Hv (a, b; x, y) | Hv (c, d; x, y)> = 0 quando la frequenza v non è uguale v '
per la miscelazione di quattro wavelet non degenerate dove a, b, c, d sono le corrispondenti funzioni d'onda della miscelazione; Hv (a, b; x, y) è la trasformata olografica che in olografia quantistica definisce la probabilità di rilevare una frequenza quantica dell'onda v all'interno di un'area unitaria collegata al punto (x, y) del piano ologramma, dove la miscelazione wavelet aOb ha luogo ed è descritto in termini di una moltiplicazione tensoriale O. La condizione di ortogonalità (1) può essere vista quindi come specificando un insieme di elementi diagonali o traccia Tr in una matrice unitaria nel dominio della frequenza. Ciò implica, come si può dimostrare, che lo schema di codifica di Shannon impiegato nel DNA è ottimamente efficiente, il che a seguito di un miliardo o più anni di evoluzione, nel DNA potrebbe essere il caso.

Le condizioni (1) sono quindi in ottimo accordo con la conclusione del gruppo Gariaev. Conferma che gli aerei su cui si basa l'accoppiamento della base, riguarda due ologrammi quantistici, cioè i mix wavelet aOb e cOd, in cui ciascuno specifica un "contesto", l'uno per l'altro. Ulteriore previsione dell'olografia quantistica, basata sulle simmetrie della rappresentazione tridimensionale del gruppo di Lie di Heisenberg G, che in relazione all'ologramma quantico definito da una wavelet che mischia aOb, le densità di pacchetti wavelet coerenti a (t) dt eb (t ' ) dt 'sono indistinguibili per mezzo di correzioni temporali e di fase relative applicate alle rispettive vie wavelet (x, y) nel piano ologramma. Cioè, l'operazione del tensore O, nel caso dell'olografia quantistica, descrive un entanglement quantistico, anche se aOb definisce un ologramma quantistico, da cui l'olografia quantica mostra e la risonanza magnetica, l'informazione olografica può essere sia scritta / codificata che letta / decodificato.

Quindi, matematicamente, il DNA può, sulla base dell'olografia quantistica, essere pensato per rappresentare quantisticamente molto semplicemente la traccia

Tr <a, b | c, d>

tale che quando si apre la doppia elica, in accordo con la descrizione Gariaev di cui sopra, questo corrisponde alla rappresentazione

<a, b | > <| c, d>

Il processo di duplicazione completa del DNA può quindi essere rappresentato come

Tr <a, b | c, d> <a, b | c, d>
poiché come è cruciale capire nel caso del DNA, i due filamenti della doppia elica sono, l'olografia quantica mostra, non lo stesso ma il coniugato di fase, cioè quello che i biologi chiamano complementare / antiparallelo, e quindi deve essere rappresentato nel contesto di DNA stesso da a, b e c, d rispettivamente.Queste coppie differiscono dalle olografie quantistiche, costituendo rappresentazioni covarianti e contraccianti, che sono essenzialmente topologicamente coomologhe [Marcer 2000]. Potrebbe spiegare perché citando de Duve [1984], sono necessari solo i due elementari accoppiamento di base {A, U / T} e {G, C} dei nucleotidi Adenina e Uracile / Timina insieme a Guanina e Citosina, "governare attraverso le due strutture relativamente fragili che incarnano, l'intero trasferimento di informazioni attraverso la biosfera". Vale a dire, nel DNA, questi due accoppiamenti nucleotidici di base sono i meccanismi chimici universali che producono la wavelet che mescola O sui piani degli ologrammi (che essi definiscono anche) in modo tale che al DNA possa quindi essere data una descrizione stenografica in termini di testi genetici dipendenti dal contesto scritto nelle quattro lettere A, T, G, C.
La differenziazione topologica di cui sopra deriva dal fatto che, mentre nella meccanica quantistica, una funzione d'onda è determinata solo fino ad una fase arbitraria, la differenza di fase ha un significato fisico (come in olografia), perché esiste una classe di osservabili quantistici, che sono le fasi geometriche invarianti di gauge del vettore di stato o della funzione d'onda [Resta 1997; Schempp 1992; Anandan 1992]. Questi osservabili devono quindi essere distinti da quelli che sono gli autovalori di qualche operatore, di solito la funzione hamiltoniana o energetica. Una tale descrizione vettoriale di stato (con fasi invarianti di gauge) per mezzo delle quali ogni molecola di DNA può essere chiaramente descritta, spiegherebbe la differenza tra la natura dell'interferenza quantica e l'autointerferenza quantistica, che il DNA dalla sua doppia struttura elicoidale può quindi essere riconosciuto preoccupato.

Nei mezzi di cui sopra per rappresentare il DNA, quindi, | > <| rappresenta il principio della corrispondenza quantistica, il controllo del solitone quantistico [vedi anche, Denschlag et al, 2000] o l'attività del wavepacket piuttosto che la sua controparte classica del solitone, che è stato oggetto delle simulazioni al computer di Mosca. Queste confermano tutte le conclusioni del gruppo Gariaev raggiunte come risultato dei loro esperimenti, che il DNA funziona come un sistema / assieme quantistico coerente (ora degli oscillatori quantistici) o intero, per mezzo di un entanglement quantistico. Un intero, dove (1) mostra, questo può essere scomposto in una famiglia ortogonale di 3 immagini dimensionali spaziali codificate olograficamente in linea con la consueta descrizione di una diagonalizzazione quantistica meccanica. Dice anche in linea con le scoperte del gruppo Gariaev che il DNA può essere descritto come una "autocorrelazione", dove, come mostrato qui, si tratta di una decomposizione efficiente in una famiglia decorrelata di primitive / ologrammi di codice olografico, e che questo, come Schempp [ 1992], deriva dal fatto che un oscillatore armonico di meccanica quantistica (in questo caso la stessa molecola di DNA altamente complessa) equivale ad un insieme di bosoni aventi ciascuno uno stato di polarizzazione. Quest'ultima conferma la conclusione del gruppo Gariaev che hanno effettivamente scoperto una forma completamente nuova di vettore elettromagnetico mediante la quale le immagini olografiche sono trasportate sotto forma di uno stato di polarizzazione, adatto a una nuova forma di cinema, video e computer.

L'olografia quantistica dice che il DNA soddisfa il principio della costruzione del computer [Von Neumann, 1966], poiché porta una copia di se stesso, ed è
(a) il proprio progetto scritto nei testi genetici, in cui il meccanismo di ingegneria della replicazione del DNA è il campo elettromagnetico biofotonico, mentre le "lettere" dei testi genetici A, G, C, U sono considerate invarianti, ma dove,

(b) nel caso della replicazione dell'organismo, per cui il DNA è il progetto scritto nelle informazioni olografiche, è il caso opposto. Cioè, in questo caso è il "campo acustico", che costruisce meccanicamente / ingegnerizza l'organismo fuori dalla materia disponibile, in conformità con le informazioni contenute negli ologrammi del campo elettromagnetico (questi in questo caso sono considerati invarianti).This DEVE quindi significare Che adenina, uracile, guanina, citosina e Sono Strutture invarianti / coefficienti SIA acustico e domini di campo elettromagnetico. QUESTI Meccanismi corrispondono pertanto il sapere Caratteristiche di Base di TRASFERIMENTO Comunicazione / Informazione quantistico Noto venire teletrasporto quantistico, Che Consiste di causa Segnali inseparabili elabora Quello classico, si quantistico. Quest'ultimo E Trasmissione istantanea da X a Y (illimitato principio di DISTANZA), ma che non possono Essere utilizzati senza l'altra, Che E La Trasmissione da X a Y con means Convenzionali alla velocità della luce o inferiore. Nel Caso del DNA, quindi, E L'Esistenza del testo genetica dell'organismo Stesso Che costituisce Il processo Segnale classico di teletrasporto quantistico,a Grado di agevolare le quantistica Processi segnalamento meccanico SIA della copiatura del DNA venire proprio modello e della costruzione dell'organismo (per cui il DNA E il progetto) in modo massicciamente parallelo con i Mezzi di teletrasporto quantistico.]


Sorprendentemente Anche l'olografia quantistica Conferma ed e confermata da un altro RISULTATO sperimentale sorprendente. Questo e il cosiddetto “DNA-Phantom-Effect” [Gariaev, Junin, 1989; Gariaev et al, 1991; Gariaev 1994], un Fenomeno molto interessante, ampiamente discusso, QUANDO SI E Trovato da Peter Gariaev prima. Più Tardi Fenomeno simile Chiamato 'simulando l'Effetto di polvere' [Allison et al, 1990]. e Stato rilevato dal Gruppo di R.Pecora. This E La scoperta Che il modello di Seguito, Trovato nel primo esperimento descritto, Quando un laser di DNA di illuminazione, non Scompare immediatamente se i Campioni di DNA vengono rimossi dall'apparecchio. Si continua in forma Diversa per Qualche tempo. Un'Examples potrebbe Essere Che l'olografia quantistica definisce un / Assorbitore modello vuoto quantistico admitter della meccanica quantistica in termini di Operatori annientamento / Creazione [1993] Schempp, implicando Che il DNA effettivamente Comporta Come un singolo Quanto, Che indurre un “buco” Temporaneamente nel vuoto per la SUA RIMOZIONE.

Grafici (a), (b) e (c): 'Background - vuoto spazio', 'DNA fisica in SSC Solution', e 'Phantom DNA', respectively, 

lunedì 27 novembre 2017

Trattamento dell'acqua con il plasma

Trattamento dell'acqua per un effetto bioattivo/ringiovanimento.....

Che ipotesi proponi e perché la proponi?
Propongo un modo nuovo ed economico per strutturare acqua e vapore acqueomodulando il plasma in aria e in soluzioni acquose comunemente definite acqua / nebbia attivate al plasma . Queste soluzioni hanno già mostrato effetti benefici nell'area delladecontaminazione e dei servizi igienico-sanitari una di queste aziende che utilizza questo è SteraMist ( http://tomimist.com/ ) che la usa per decontaminare varie superfici . L'acqua / foschia attivata dal plasma viene anche esplorata nell'industria medica come possibiletrattamento per il cancro ( https://iwpct2017.sciencesconf.org/resource/page/id/10 ).Queste procedure sono molto efficaci ma adottano un approccio generale al problema. Modulare il plasma ci dà la possibilità di adottare un approccio più focalizzato insieme adarci un maggiore controllo sugli effetti prodotti dal plasma modulato .
Perché la tua proposta di significato terrificante?
È noto che i nostri attuali antibatterici stanno diventando meno efficaci a causa del loro uso eccessivo in vari settori ( https://www.ncbi.nlm.nih.gov/pmc/articles/PMC4380918/), anche gli antibiotici non funzionano contro infezioni causate da virus , come raffreddori e influenza. Questo approccio innovativo, a basso costo e non tossico rivoluzionerebbe l'agricoltura, i servizi igienico-sanitari e le industrie sanitarie fornendoci un altro mezzo per controllare i batteri e combattere le "malattie non curabili". È stato dimostrato che applicando l'acqua / nebbia fosforica attivata alle piante si genera un effetto anti-batterico ( https://youtu.be/vDcQhkt3-L0 ).
In breve, come testerai la tua ipotesi?
Applicando l'acqua modulata al plasma / nebbia a una soluzione, possiamo utilizzare misuratori digitali o kit di test acquosi per ottenere misurazioni. Alcuni dei fattori che possiamo misurare sono pH, alcalinità, ORP e conduttività (solo per citarne alcuni). Al momento l'acido muriatico è una sostanza chimica molto pericolosa e corrosiva che viene utilizzata per abbassare il pH nelle piscine. Un metodo di prova che potremmo utilizzare sarebbe quello di ottenere un campione di acqua della piscina o altra soluzione acquosa e vedere per quanto tempo e quanto acido muriatico è necessario per abbassare i livelli di pH, lo confronteremo con una quantità simile di plasma modulato attivato acqua / nebbia e vedere se le quantità necessarie per produrre lo stesso effetto sono comparabili. Un altro test sarebbe vedere come la modulazione di acqua / nebbia attivata dal plasma influenzi il tasso di uccisione delle colture di batteri orali, permettendoci così di vedere se questo potrebbe essere usato come trattamento nel controllare i batteri che è dannoso per la salute orale.