mercoledì 20 marzo 2019

Un replicatore del mondo reale "Star Trek" è ora possibile grazie a una nuova svolta


Una startup con alumni di MIT e Yale afferma di aver fatto un passo avanti nella creazione di un materiale di prossima generazione che dovrebbe rendere letteralmente possibile stampare in 3-D qualsiasi cosa dal nulla.
Mattershift di New York  è riuscito a creare membrane di nanotubi di carbonio (CNT) su larga scala che sono in grado di combinare e separare singole molecole.
"Questa tecnologia ci dà un livello di controllo sul mondo materiale che non avevamo mai avuto prima", ha detto il fondatore e CEO di Mattershift, Dr. Rob McGinnis, in una versione. "Per esempio, in questo momento stiamo lavorando per rimuovere CO 2  dall'aria e trasformarla in combustibile. Questo è già stato fatto utilizzando la tecnologia convenzionale, ma è stato troppo costoso per essere pratico. Utilizzando il nostro tecnico, penso che ce la faremo essere in grado di produrre benzina zero, diesel e carburanti jet zero più economici dei combustibili fossili ".

I CNT sono stati identificati come promettenti per una serie di potenziali applicazioni, da mazze da golf migliori, carburanti e medicinali a concetti di vasta portata come gli ascensori spaziali. Uno studio pubblicato questa settimana sulla rivista Science Advances conferma che le grandi membrane CNT di Mattershift si comportano come i piccoli prototipi che abbiamo visto finora.

La società afferma che la loro svolta annulla la difficoltà e il costo della produzione del materiale, che dovrebbe consentire alla tecnologia di uscire dai confini dei laboratori universitari.
"Dovrebbe essere possibile combinare diversi tipi delle nostre membrane CNT in una macchina che fa ciò che le fabbriche molecolari sono state a lungo previste, per fare tutto ciò che ci serve da blocchi molecolari di base", ha affermato McGinnis. "Stiamo parlando di materiale di stampa dall'aria Immagina di avere uno di questi dispositivi con te su Marte. Potresti stampare cibo, combustibili, materiali da costruzione e medicinali dall'atmosfera e dal suolo o da parti riciclate senza doverli trasportare dalla Terra ".
Una fabbrica molecolare è una tecnologia a lungo prevista che, in teoria, dovrebbe essere in grado di realizzare parte di ciò che fa il replicatore di "Star Trek" , anche se non così chiaramente come nello show. L'approccio di Mattershift riguarda più la separazione e la combinazione di molecole per formare nuove materie prime, motivo per cui lavorare alla creazione di combustibili è un punto logico da cui partire.

Ma come sottolinea McGinnis, se funziona bene non c'è motivo per cui fabbriche molecolari più complesse non possano essere combinate per diventare il futuro della produzione, e sì, forse alla fine servirà un drink dal nulla ad un certo punto semplicemente chiedendo un versione futura di Alexa per "tea, earl gray, hot".

Nessun commento:

Posta un commento