martedì 25 giugno 2019

Gli scienziati scoprono i biofotoni nel cervello che potrebbero suggerire che la nostra coscienza è direttamente collegata alla luce!

Gli scienziati hanno scoperto che i neuroni nei cervelli dei mammiferi erano in grado di produrre fotoni di luce, o "Biofotoni"!
I fotoni, stranamente, appaiono all'interno dello spettro visibile. Si va dal vicino infrarosso al viola o da 200 a 1.300 nanometri.
Gli scienziati hanno un eccitante sospetto che i neuroni del nostro cervello siano in grado di comunicare attraverso la luce. Sospettano che il nostro cervello possa avere canali di comunicazione ottica, ma non hanno idea di cosa possa essere comunicato.
il nostro cervello potrebbe avere canali di comunicazione ottica
Ancora più eccitante, affermano che se si verifica una comunicazione ottica, i biofotoni prodotti dai nostri cervelli potrebbero essere influenzati dall'entanglement quantico, nel senso che potrebbe esserci un forte legame tra questi fotoni, la nostra coscienza e probabilmente ciò che molte culture e religioni chiamano Spirito.
In un paio di esperimenti, lo scienziato ha scoperto che il cervello dei ratti può passare un solo biofotone per neurone al minuto, ma il cervello umano potrebbe trasmettere più di un miliardo di biofotoni al secondo.
Ciò solleva la questione, potrebbe essere possibile che più la luce è in grado di produrre e comunicare tra i neuroni, più sono coscienti?
più luce si può produrre
Se esiste una correlazione tra biofotoni, luce e coscienza, può avere forti implicazioni sul fatto che c'è più luce di cui siamo consapevoli.
Pensa solo per un momento. Molti testi e religioni risalgono a molto tempo fa, poiché gli albori della civiltà umana hanno riferito di santi, esseri ascesi e individui illuminati che avevano cerchi brillanti attorno alle loro teste.
Dall'antica Grecia e dall'antica Roma, agli insegnamenti dell'induismo, del buddismo, dell'islam e del cristianesimo, tra molte altre religioni, gli individui sacri venivano raffigurati con un cerchio splendente sotto forma di un bagliore circolare attorno alle loro teste.
cerchio splendente sotto forma di un bagliore circolare intorno alle loro teste
Se fossero così illuminati come sono descritti, forse questo cerchio luminoso era solo il risultato della più alta coscienza con cui operavano, quindi una maggiore frequenza e produzione di biofotoni.
Forse questi individui hanno prodotto un livello più alto di biofotoni con un'istensità più forte a causa della loro illuminazione, se esiste una correlazione tra biofotoni e coscienza.
Ma una delle implicazioni più eccitanti della scoperta che il nostro cervello può produrre luce, è che forse la nostra coscienza e il nostro spirito non sono contenuti nei nostri corpi. Questa implicazione è completamente trascurata dagli scienziati.
L'entanglement quantico dice che 2 fotoni entangled reagiscono se uno dei fotoni è interessato, indipendentemente da dove l'altro fotone si trova nell'Universo senza alcun ritardo.
Forse esiste un mondo che esiste all'interno della luce, e non importa dove ti trovi nell'universo I fotoni possono fungere da portali che consentono la comunicazione tra questi due mondi. Forse il nostro spirito e coscienza comunicano con i nostri corpi attraverso questi biofotoni. E più luce produciamo, più risvegliamo e incarniamo l'interezza della nostra coscienza.
Entanglement quantico
Questo può spiegare il fenomeno del perché lo stato di un fotone è influenzato semplicemente osservandolo coscientemente, come è provato in molti esperimenti quantistici.
Forse la nostra osservazione comunica qualcosa attraverso i nostri biofotoni con il fotone che viene osservato, in modo simile all'intervallo quantico, come la luce è solo una sostanza unificata che è dispersa in tutto il nostro Universo e colpita attraverso ogni particella di luce.
per approfondire

Nessun commento:

Posta un commento