sabato 12 novembre 2016

Dai che ci siamo quasi........

Alcuni fisici stanno finalmente, non senza fatica, arrivando alla conclusione necessaria di come funzioni la gravità e la struttura di spazio tempo, in questa nuova teoria si avvicinano parecchio alla struttura di gravità come rapporto tra densità informativa dello spazio/tempo........ Forse ci arriviamo anche a livello ufficiale.........


 Quando si tratta di spiegare la gravità, le teorie della relatività di Einstein sono il gold standard. Ciò non significa che siano perfetti, però. Per esempio, al fine di spiegare i movimenti su larga scala delle galassie sotto le teorie di Einstein, gli scienziati hanno dovuto postulare l'esistenza della materia oscura, una misteriosa sostanza non rilevabile che presumibilmente deve fare quanto più 80 per cento di tutta la materia nel universo.
Ma ora c'è una nuova teoria sul blocco che si basa sull'idea che l'universo è un ologramma, e non richiede la materia oscura o il suo cugino sfuggente, energia oscura, per spiegare la gravità su una scala più ampia, i rapporti Phys.org .
L'idea, proposta da Erik Verlinde, noto esperto di teoria delle stringhe presso l'Università di Amsterdam, è che la gravità non è una forza fondamentale della natura, ma invece un fenomeno emergente.Questa è una distinzione sottile ma fondamentale.Allo stesso modo, la temperatura non è anche una forza fondamentale, ma piuttosto un fenomeno che deriva dai movimenti di particelle.
Quindi, se la gravità è emergente, come la temperatura è, ciò significa che deve essere emergente da qualcosa. Ma da cosa?Questo è dove Verlinde prende in prestito dal principio olografico.La sua teoria suggerisce che la gravità è emergente da pezzi fondamentali di informazioni che sono memorizzate nel tessuto dello spazio-tempo stesso.
Continua a leggere
Teoria