mercoledì 28 settembre 2016

Acquisizione informativa.

Nel  movimento dell'universo la rotazione crea il nostro concetto di tempo, ma in sequenza il concetto di spazio è ciò che registra l'informazione nel suo tracciato. Lo spazio/memoria funziona nel campo come hard drive per il processo di acquisizione dati. Se lo osserviamo da questo punto di vista l'universo ha sempre più bisogno di spazio per acquisire informazioni. La traccia di spazio in rotazione diviene il nostro tempo semplicemente perché ogni porzione di spazio ha un dettaglio informativo diverso. Il processo ci porta a concludere che l'espansione dell'universo è infinita. E' qui che ci corre in aiuto il frattale. Infatti per dettagliare informazioni all'universo basta ripiegarsi ancora ed ancora. Il problema e che chiede ancora più superfici per memorizzare l'informazione nelle misure di plank. La soluzione sta nel dominio del vuoto infatti in quel dominio l'informazione acquisisce la spaziatura perfetta e il ripiegamento diviene potenzialmente infinito, ma nel frattempo voi come partecipate al ripiegamento informativo? Che tipo di fiore siete?